Sequestra, violenta e minaccia una ragazzina, arrestato 65enne di Barcellona

E' l'autista del mini bus che ogni giorno porta la 14enne a scuola: il sequestro, le violenze, poi le minacce: “Non dire niente a nessuno, neanche alle tue amiche, altrimenti ti ammazzo”.

BARCELLONA POZZO DI GOTTO. Il sequestro, la violenza, i palpeggiamenti, poi la  minaccia: “Non dire niente a nessuno, neanche alle tue amiche, altrimenti ti ammazzo”. Sono gli indizi a carico di un 62enne arrestato ieri alle 18.45 dai poliziotti del Commissariato di Pubblica Sicurezza di Barcellona Pozzo di Gotto, accusato di violenza sessuale aggravata, sequestro di persona e lesioni ai danni di una 14enne.

Reati contestati per i quali l’Autorità Giudiziaria ha disposto il fermo di indiziato di delitto ed il successivo trasferimento presso la casa circondariale ex ospedale psichiatrico giudiziario.

I fatti risalgono a ieri mattina quando la vittima è salita a bordo del mini-bus che quotidianamente la porta a scuola. Approfittando del fatto che fosse sola a bordo, il 62enne, autista del mezzo, avrebbe portato il bus in un luogo isolato, bloccato le portiere e usato violenza nei confronti della ragazzina, costretta a subire baci e palpeggiamenti.

La violenza sulla 14enne non ha avuto esiti peggiori perché la vittima ha reagito e opposto resistenza alle evidenti intenzioni dell’aggressore che ha provato a bloccarla stringendole le mani al collo, minacciandola di morte. “Non dire niente a nessuno, neanche alle tue amiche, altrimenti ti ammazzo”, avrebbe detto alla ragazzina che però ha immediatamente chiesto aiuto a compagni e insegnanti rendendo possibile l’immediato intervento della Polizia.

 

 

Lascia un commento

avatar
400