MESSINA. Il comune di Messina abbandona il vecchio sito (e il vecchio indirizzo internet) e con il nuovo si adegua, primo comune in Italia, alle nuove normative di trasparenza. “Non sarà più un contenitore di informazioni”, spiega l’assessore all’Innovazione Sergio De Cola mentre clicca e manda online il nuovo sito, durante l’incontro per la giornata della trasparenza e l’anticorruzione. Cosa cambia rispetto al vecchio sito? Tutto, praticamente: a cominciare dall’Url. Il nuovo portale, infatti, abbandona l’indirizzo www.comune.messina.it, e diventa www.comunemessina.gov.it, per adeguarsi alle linee guida elaborate da Agid (l’Agenzia per l’Italia digitale).

Poi la veste grafica: spariscono le linee e diventano “blocchi”. Il menù a tendina in alto, poi, facilita la consultazione dai dispositivi mobili. Il nuovo sito è stato progettato e realizzato dall’azienda catanese Datanet, il cui marketing manager Francesco Ruta spiega perchè è stato adottato un nuovo sito: “Fino al 2012 non esistevano direttive ufficiali per i siti web, quindi ognuno adottava la forma e i contenuti che voleva nel rispetto della trasparenza, ma è il Foia (Freedom of information act) del 2016 che oggi fornisce indicazioni sull’amministrazione trasparente, sulla nomenclatura e sulla pubblicazione dei dati. Il sito – prosegue Ruta – segue anche le linee guida di design per i servizi web della pubblica amministrazione elaborate per l’Agenzia per l’Italia digitale a luglio del 2016”.

Il Comune di Messina è il primo capoluogo italiano, ad eccezione di altri tre in via di sperimentazione, ad avere adottato la nuova versione delle linee guida sviluppate dell’AGID (Agenzia per Italia Digitale), che prevedono un sistema condiviso di riferimenti visivi di design dei siti web della Pubblica Amministrazione.

 

guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments