MESSINA. Il sindaco Cateno De Luca non indietreggia di un passo, e nonostante la Regione Siciliana abbia deciso per la riapertura delle scuole in presenza da domani, a Messina non ci sarà il ritorno in aula, e fino al 23 gennaio alunni e studenti riprenderanno le lezioni in modalità didattica a distanza da casa. E’ quanto è emerso dalla diretta delle 19, in cui De Luca ha reiterato la sua ordinanza del 9 gennaio.

Non è bastata la dichiarazione dell’assessore regionale all’Istruzione, Roberto Lagalla, che ha spiegato che “non ci sono le condizioni giuridiche per sospendere ulteriormente le attività didattiche”. La sospensione delle lezioni in presenza e’ possibile solo in zona rossa, arancione e nei casi previsti dal decreto nazionale. Condizioni necessarie ma non sufficienti per andare in Dad poichè ci vuole l’avallo dell’Asp. Per il ritorno in aula anche il direttore dell’Ufficio scolastico regionale, Stefano Suraniti, che ha sottolineato che la Sicilia ha comunque dati pandemici più bassi rispetto alla media nazionale, e anche l’associazione nazionale dei presidi, fa sapere la Flc Cgil, “si è schierata per il ritorno a scuola senza se e senza ma”.

 

 

guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments