MESSINA. È ormai guerra aperta fra il sindaco Cateno De Luca e gran parte del Consiglio comunale. L’ultima “battaglia”, l’ennesima in questi anni di rapporto travagliato, si è consumata pochi minuti fa, quando 15 consiglieri hanno abbandonato l’Aula nel corso della seduta straordinaria (compreso il presidente del Consiglio Comunale, Claudio Cardile) in cui doveva discutersi la relazione sul terzo anno di attività amministrativa del primo cittadino. Relazione che non è stata discussa, perché è venuto a mancare il numero legale per la seduta. Qui la diretta minuto per minuto della seduta, che continua con una diretta Facebook del primo cittadino; qui il link al video della seduta.

La seduta, che ha visto il ritorno del sindaco fra gli scranni del consiglio dopo otto mesi, si è aperta (e conclusa) infatti con una pregiudiziale da parte del presidente Cardile, a cui è seguita la protesta di buona parte del Civico Consesso. Di seguito il testo:

La norma prevede che il Sindaco, annualmente, riferisca al Consiglio mediante una relazione, le attività amministrative svolte nel periodo di riferimento. Tale previsione poggia nello spirito della legge su un fondamento: il legislatore ha voluto immaginare che i corretti rapporti istituzionali trai due organi rappresentanti la comunità cittadina, Sindaco e Consiglio Comunale, avvertano la necessità e l’opportunità che il Sindaco relazioni in Consiglio sulla qualità e sulle criticità delle azioni svolte, e che il cosniglio faccia le proprie considerazioni.
Nel nostro comune, però, questi rapporti tra Sindaco e Consiglio sono stati interrotti bruscamente e malamente proprio dal Sindaco da ormai 9 mesi, caratterizzanti per la sua assenza continuata ai lavoro di questo consesso, per la delegittimazione costante che lo stesso ha rivolto a quest’organo (financo nelle premesse di questa relazione annuale), nelle offese costanti rivolte al Consiglio, al suo Presidente ed a molti dei componenti di questo consesso.
Sulla base di queste considerazioni, dunque, appare assolutamente inutile e superfluo questo rito formale della presentazione della relazione del Sindaco al Consiglio in quanto lo stesso non riconosce il ruolo anche spogliandosi di molte deleghe amministrative e inoltre presentando questa relazione prima ancora che al Consiglio in tante altre sedi.
Inoltre il Sindaco dichiara espressamente che questo consiglio comunale ha agito in questi anni contro gli interessi della città che lui soltanto è stato capace di rappresentare.
Partendo da queste premesse la maggioranza dei gruppi consiliari (PD, 5 Stelle, Lega, Bramanti Sindaco, Sicilia Futura, Ora Messina, LiberaME, una parte del Gruppo Misto) e dei Consiglieri Comunali, ivi compreso il sottoscritto, non intende presenziare a questo rito che, ancora prima di essere celebrato, è stato delegittimato dallo stesso Sindaco che, con molteplici dichiarazioni, ha affermato che questo organo non solo è inutile, ma addirittura dannoso per la città.

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE
PARTITO DEMOCRATICO
MOVIMENTO 5 STELLE
LEGA
BRAMANTI SINDACO
SICILIA FUTURA
ORA MESSINA
LIBERAME
MANGANO PAOLO (DEL GRUPPO MISTO)

guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments