MESSINA. “Quella odierna è una data storica per la città metropolitana di Messina e per la Sicilia ; oggi l’assessore regionale ai Beni culturali e l’identità siciliana, Carlo Vermiglio, ha firmato il decreto di istituzione del Parco Archeologico del Tyndaris”: ad annunciarlo è il deputato regionale Nino Germanà, principale sostenitore della nascita di questa realtà territoriale.

“All’azione di tutela e conservazione, portata avanti con incessante impegno dalla Soprintendenza di Messina, si aggiunge un indispensabile strumento di gestione e valorizzazione che consentirà alla Sicilia di aggiungere al patrimonio disponibile e fruibile un ulteriore Istituto e Luogo della Cultura. La Sicilia intera beneficia dell’istituzione del Parco archeologico di Tyndaris, incrementando un patrimonio ambientale, storico, culturale e artistico di immenso valore”, prosegue il parlamentare messinese. “Ai quattro di Naxos-Taormina, Valle dei templi, Segesta e Selinunte adesso si aggiunge questo quinto straordinario parco che abbiamo voluto e sostenuto politicamente;  abbiamo lavorato sodo e siamo giunti all’obiettivo senza indugi, portando avanti un’azione sinergica e tenace. Un ringraziamento particolare voglio esternare al sovrintendente di Messina Orazio Micali, a Gabriella Tigano e alla sezione beni archeologici,a Marisa Mercurio e sezione beni paesaggistici, e al Nucleo interdisciplinare di progettazione della soprintendenza. Adesso la Sovrintendenza si occuperà della perimetrazione dei confini”, conclude il parlamentare.

Qualche settimana fa, Germanà si era scagliato contro l’istituzione del parco dei Peloritani, definendolo senza mezzi termini “un carrozzone politico”, ed esprimendo soddisfazione quando l’idea fu bocciata

guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments