Un Falco Pecchiaiolo prima della liberazione. (Foto di Melania Franzone)

MESSINA. Per gli amanti della natura un appuntamento da non perdere.  Oggi, sabato 8 aprile, alle 15.30, verranno liberati cinque rapaci curati dai  volontari del Centro Recupero Fauna Selvatica “Stretto di Messina”.  Un rituale, quello della liberazione degli animali selvatici, molto suggestivo. Il personale che lavora all’interno del centro che si occupa di accudire e curare i rapaci feriti, con un semplice gesto gli regala di nuovo la libertà.

Le strutture del Centro Recupero Fauna Selvatica di Messina, affidato all’Associazione Mediterranea per la Natura, di cui fanno parte anche le ambientaliste Anna Giordano e Deborah Ricciardi, sorgono all’interno del Demanio dei Monti Peloritani, nell’area di Forte Ferraro, nei pressi di Colle san Rizzo. All’interno di alcune voliere vengono riabilitati al volo moltissimi uccelli, rapaci diurni e notturni, gabbiani, aironi, corvidi, passeriformi, alcuni mammiferi e tartarughe terrestri e palustri. La struttura è fornita di una moderna sala chirurgica e di una sala di stabulazione dove gli animali trascorrono il periodo post-operatorio gestite dal veterinario Fabio Grosso. La maggior parte degli animali che vengono ricoverati hanno subito ferite da arma da fuoco e, visto che in massima parte sono specie protette, sono state vittime di episodi di bracconaggio, oppure impattano contro fili, recinzioni, automobili e altri ostacoli.

Per chi volesse vivere l’emozione della liberazione l’appuntamento con i volontari del centro è davanti il Forte Ferraro.

guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments