Atto Unico. Scene di Vita, Vite di Scena”, rassegna teatrale di QA-QuasiAnonimaProduzioni giunta alla sua IV edizione attualmente in corso, cambia casa. Per gli ultimi tre spettacoli dal Teatro Savio si sposta alla Sala Laudamo, in virtù della collaborazione con il Teatro Vittorio Emanuele, che patrocina l’intera rassegna dall’inizio di questa IV edizione. Lo spostamento della manifestazione comporterà una doppia replica, il sabato alle 21 e come di consueto la domenica alle 18, con il seguente calendario: 4 e 5 marzo “Pupetto ed io”, omaggio al Maestro Donato Castellaneta, di e con Maurizio Marchetti; 25 e 26 marzo “Sincopi Deliqui Infarti e Altri Mancamenti”, omaggio a Mejerchol’d, scritto e diretto da Sergio Basile. L’ultimo spettacolo della rassegna, inizialmente previsto per il 9 aprile, subirà uno slittamento al 13 e 14 maggio per cause di forza maggiore: si tratta di “Prometheus”, omaggio a Fernando Balestra, scritto e diretto da Auretta Sterrantino. Resta confermato, come da programma, , il 24 febbraio al Teatro Savio, il documentario teatrale “Canto della rosa bianca. Studenti contro Hitler. Monaco 1942/43”, spettacolo fuori abbonamento prodotto da QA e con il gentile sostegno dell’ Istituto Nazionale del Dramma Antico.

«Qual è il futuro del teatro a Messina?» si domanda la compagnia QA-QuasiAnonimaProduzioni, che in quattro anni di rassegna autoprodotta ha cambiato location tre volte passando dal Teatro Savio, alla chiesa di Santa Maria Alemanna al Teatro Annibale Maria di Francia. «A Messina c’è una grave carenza di spazi utilizzabili per eventi di tipo artistico e culturale – dice Vincenzo Quadarella cofondatore di QA-QuasiAnonimaProduzioni – se si parla di teatri, poi, la situazione è ancora più grave. Gli unici spazi disponibili che potrebbero essere adatti alla nostra rassegna sono in mano alla Curia ma non sono assolutamente adeguati né dal punto di vista tecnico né dal punto di vista strutturale. Inoltre nel corso degli anni i costi di affitto sono diventati eccessivi rispetto alla qualità dei servizi offerti».

«Ci sarebbe piaciuto tanto nel corso di questi anni sostenere le attività di privati, che come noi hanno investito nel teatro, facendoci ospitare nei loro spazi – afferma Auretta Sterrantino, direttore artistico della rassegna e cofondatore di QA – mi riferisco ai teatri off presenti in città, ma nonostante si tratti di strutture ben organizzate non sono adatte alle nostre esigenze pratiche e artistiche. Ci rendiamo conto che si tratta di uno spostamento imprevisto ma siamo certi che il nostro pubblico lo accoglierà favorevolmente data la tradizione di lungo corso della Sala Laudamo».

QA-QuasiAnonimaProduzioni propone per quest’ultima tranche di rassegna un mini abbonamento a un prezzo agevolato di 35 euro (30 euro ridotto).

guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments