MESSINA. I Poliziotti della Squadra Mobile e delle Volanti hanno arrestato ieri un messinese di 50 anni con precedenti di polizia, ritenuto responsabile del reato di produzione e detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.
L’arresto è maturato a seguito di una segnalazione anonima, arrivata alla Sala Operativa della Questura di Messina tramite l’applicazione “Youpol“, sulla presenza di una piazza di spaccio in un villaggio della zona sud.

Dopo avere avviato una serie di attività investigative, i poliziotti hanno proceduto ad effettuare una perquisizione presso il domicilio del cinquantenne, nel quale venivano rinvenuti due bilancini di precisone e del materiale utile al confezionamento di sostanza stupefacente. Successivamente, in un diverso immobile nella disponibilità dello stesso, gli operatori hanno trovato e sequestravano della marijuana, dal peso complessivo di 1,815 kg.
Infine, a seguito di ulteriori accertamenti, gli investigatori hanno scoperto in un appezzamento di terreno sempre nella disponibilità dell’uomo, 21 piante di cannabis alte tra gli 80 e i 260 centimetri. 

Nel corso della prima perquisizione domiciliare, inoltre, gli agenti hanno appurato che la corrente elettrica in uso nell’abitazione era ricavata da un collegamento abusivo, come successivamente confermato da personale dell’azienda di distribuzione. 

L’uomo, pertanto, è stato arrestato per produzione e detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti, nonché denunciato in stato di libertà per furto di energia elettrica e, su disposizione dell’Autorità Giudiziaria, associato presso la casa circondariale di Messina Gazzi.

guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments