Liliana-Di-Napoli-Instagra-Unime-greco

 

MESSINA. Un profilo Instagram interamente dedicato all’insegnamento del greco, questa l’idea della messinese Liliana Di Napoli, dottoranda in filologia classica e tutor all’Università di Messina, che lo scorso novembre ha dato il via a “Mellichomeidos“, un progetto social interamente dedicato alla spiegazione della lingua e della cultura greca, dalla grammatica alla letteratura, passando per la mitologia.

“Tutto è nato perchè i ragazzi ai quali faccio da tutor mi chiedevano spesso di registrare le lezioni in modo da non perdersele e da lì ho avuto un primo flash” ha raccontato la ventinovenne messinese “contemporaneamente sono stata contattata da un mio amico che insegna greco in un liceo, mi ha invitata a fare lezione ai suoi alunni per dimostrare che il mondo classico può essere anche raccontato dai giovani, così ho pensato ai social.”

Da lì Liliana ha dato il via al suo progetto che ha l’intento di diffondere la bellezza attraverso internet “Ci sono soggetti che hanno costruito la loro fama su questi mezzi, ma spesso i contenuti che vengono proposti sono desolanti. Perchè non portare la bellezza in tutte le sue declinazioni? Per me una forma di bellezza è il greco, perchè allora non dargli spazio”

“È partito tutto con l’intento di dare solo lezioni di grammatica -ha spiegato l’ideatrice- poi la gente ha cominciato a chiedermi di parlare anche della letteratura, per questo ho deciso di condividere le lezioni con le mie colleghe di dottorato Santina Zampaglione e Maria Rosa De Luca”.

Il profilo a tre mesi dall’inizio della sua attività conta 1.500 followers e cinque rubriche “oltre le videolezioni sulla grammatica, durante la settimana un giorno lo dedichiamo alla letteratura e un altro al racconto di un mito classico. Poi spiego le radici delle parole greche, parto da una radice, faccio un elenco sommario delle parole di riferimento e confronto con il latino e derivazione in italiano. Inoltre con le mie colleghe abbiniamo alla lezione anche delle letture in italiano degli autori che andiamo a spiegare. Per esempio abbiamo iniziato a leggere Omero.”

“Il pubblico del profilo è misto, penso che i followers siano pochi per gli standard di Instagram, ma considerando il tema che tratto non mi aspettavo tutto questo riscontro. Ci sono tanti ragazzini che guardano le lezioni per ripassare un po’, soprattutto studenti di quarto e quinto ginnasio. La letteratura invece è seguita anche da miei colleghi, sicuramente interessa un pubblico più vasto, dai ragazzi che vanno a scuola agli studenti universitari che devono preparare esami.”

Il nome del profilo deriva da un aggettivo greco che significa “dal sorriso di miele” e richiama l’intento dell’ideatrice, quello di diffondere la bellezza sotto varie forme: “è l’aggettivo con il quale il poeta Alceo ha apostrofato Saffo – ha spiegato Liliana- l’ho scelto perchè durante il primo lockdown ho partecipato a una lettura in diretta sulla pagina Instagram ‘La setta dei poeti estinti’ e una ragazza mi ha detto che mentre leggevo anche io avevo il ‘sorriso di miele’, ed è vero, il greco è il mio grande amore, quindi mi da un sorrido che il resto non mi dà”

Per il profilo Instagram: Mellichomeidos

 

guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments