MESSINA. Quest’anno Messina non farà parte de “Le vie dei tesori”, la manifestazione regionale, giunta alla sua quindicesima edizione, che trasforma le città in veri e propri musei per tre fine settimana. Ma non solo il comune di Messina: dal sito dell’evento si evince che nessuna città della provincia messinese sia stata prevista nel programma che avrà. inizio l’11 settembre 2021 e che si concluderà il 31 ottobre 2021.

Il motivo? «Le informazioni ufficiose sono contrastanti – ha spiegato il consigliere comunale Piero La Tona, nonché presidente della V Commissione consiliare “Scuola, Cultura, Sport e Turismo”  – gli organizzatori sostengono di aver invitato il Comune di Messina e di non aver ricevuto risposte. Di contro l’Assessore alla Cultura, Enzo Caruso, sostiene di aver ricevuto l’invito e di aver dato la disponibilità ma di non essere stato mai ricontattato. Intanto a perdere su tutti i fronti è Messina e per questo motivo ho deciso di invitare i soggetti in campo alla prossima seduta della V Commissione che si terra mercoledì 19 maggio alle ore 9.30, per capire cosa sia successo e se è ancora possibile scongiurare questa esclusione che penalizzerebbe la Città dello Stretto, i suoi beni culturali e tutti i partecipanti all’iniziativa che negli ultimi anni hanno aderito con entusiasmo, contribuendo a conoscere e far conoscere il patrimonio storico architettonico della Porta della Sicilia».

«L’iniziativa “Le vie dei tesori”, che coinvolge tutta la Sicilia nella valorizzazione, promozione, diffusione del patrimonio culturale dell’Isola – ha evidenziato La Tona – è stata presentata alla Borsa Internazionale del Turismo. Negli anni passati e fino all’anno scorso Messina è sempre stata inserita nell’iniziativa, vedendo il coinvolgimento di molte scuole e associazioni culturali oltre alla partecipazione di tantissimi visitatori che hanno potuto così godere dei beni culturali della nostra città. Gli studenti messinesi hanno fatto da guida turistica, acquisendo anche esperienza in alternanza scuola lavoro. Adesso, come un fulmine a ciel sereno, l’esclusione di Messina dal circuito ha suscitato la protesta di molti docenti”, ha concluso La Tona, anche dirigente scolastico dell’Istituto Minutoli.

Il Festival “Le Vie dei Tesori” è un’occasione di scoprire la Sicilia con uno strumento unico e smart: la cultura e la bellezza. La XV edizione si svolgerà in sedici città e borghi di tutta l’Isola, negli 8 weekend compresi tra l’ 11 settembre e il 31 ottobre 2021. Si parte l’11 settembre con 9 città, per tre weekend, fino al 26 settembre: Agrigento, Bagheria, Caltagirone, Caltanissetta, Enna, Marsala, Mazara, Termini Imerese, Trapani. L’1 ottobre il testimone passa a Palermo, Catania, Cefalù, Erice, Ragusa, Scicli e Sciacca che diventeranno grandi musei diffusi, visitabili con un unico coupon. Terrazze, giardini, cupole, musei, chiese, palazzi storici (in gran parte visitabili per l’occasione) saranno aperti e raccontati nel rispetto della sicurezza.

guest
2 Commenti
meno recente
più recente più votato
Inline Feedbacks
View all comments
trackback

[…] l’assenza di Messina dall’edizione 2021 della kermesse “Le Vie dei Tesori” (qui le ragioni). Fra i tanti ad intervenire anche l’ex assessore del Comune di Messina Pippo Scattareggia, […]

trackback

[…] Sicilia Futura e presidente della commissione consiliare alla cultura, dopo l’esclusione della città di Messina dal circuito cultural-turistico siciliano: esclusione dall’assessore alla Cultura Enzo Caruso […]