ROMETTA. L’appuntamento è fissato per questo weekend, nell’ambito delle “passeggiate” promosse dalla kermesse “Le vie dei tesori”, che condurranno alla scoperta del misterioso Borgo Pantano, nei pressi di Rometta. Arroccato su una collina dove regnano la pace e il silenzio, il piccolo paesino comprende una trentina di edifici e si estende su circa 17 ettari di superficie, a circa 220 metri sul livello del mare.

Immagine tratta dal sito Sicilianaturacultura.blogspot.com

Immagine tratta dal sito Sicilianaturacultura.blogspot.com

 

In base alle ricostruzione storica e alle poche fonti disponibili, il Borgo ebbe origine nel 1296, con l’insediamento del monastero delle Suore Latine della Diocesi di Messina, che risiedettero lì fino al 1304, mentre risale al 1348 l’arrivo delle comunità ebraico-spagnole, provenienti da Messina, in cerca di località più salubri dopo l’arrivo della peste, che si dedicarono alla produzione di erbe officinali grossomodo fino al 1492, anno di emanazione dell’editto di espulsione degli ebrei emanato da Ferdinando D’Aragona e Isabella di Castiglia. In seguito Pantano si trasformò gradualmente in un borgo rurale e sopravvisse nel silenzio grossomodo fino agli anni ’60 del Novecento, quando contava appena una settantina di abitanti.

Una storia, quella del Borgo, che pare intrecciarsi con quella della storica farmacia di Roccavaldina ed è piena di numerosi interrogativi e peculiarità, a partire dai canoni architettonici legati alla tradizione ebraica e dalla presenza di una torre “Bagliva” (andata perduta). Immerso nella natura, è caratterizzato anche da una piccola chiesetta, da “pozzi di comunità” e da atmosfere bucoliche e mistiche. Qui per altre info.

 

(Video pubblicato su YouTube dal canale Gr Production)

 

 

guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments