CONNETTIVO

 

MESSINA. Lo scorso sabato mattina, Largo San Giacomo ha ospitato un’estemporanea d’arte a cielo aperto per novanta minuti, con musicisti, attori, fotografi e disegnatori che si sono esibiti in una serie di performance dinanzi ai passanti. A trasformare la via del centro storico in un palcoscenico è stato il “Connettivo”, un gruppo di artisti messinesi che si sono fatti promotori di una serie di eventi, intitolata #scheggia, “proponendo l’Alba permanente della creatività, la conquista quotidiana della bellezza, creata e creatrice”.

A esibirsi a ridosso della Cattedrale di Messina sono stati Fabrizio Muscolino (jazzista); Alessia Iraci(fotografa); Lucia Foti (disegnatrice); Alphatelescopii (collage digitali); Gianluca Fontanaro (musicista); Alessandro Capurro (musicista) e Thilina Feminò (teatro in maschera).

“Di sabato mattina una #scheggia dovrebbe essere fastidiosa, a meno che non sia una di quelle coraggiose che non si ferma alla superficie della pelle di una comunità”, si legge sulla pagina instagram del collettivo.

“Nel cuore del centro storico di Messina, la città è tornata riscoprire l’arte. Infatti la strada San Giacomo, insieme ai suoi palazzi e ai suoi colori autunnali, ha fatto da cornice alle performance di teatro in maschera, musica, estemporanea di disegno e l’esposizioni artistica. Lo sguardo dei passanti era un miscuglio di sorpresa e contentezza e, per novanta minuti, il centro città ha preso un colore più naturale e caldo. E proprio per continuare a credere in quel colore, nella sua forza ed efficacia, presto torneremo nuovamente“, spiegano i promotori.

«#scheggia prevede diverse tipologia di eventi – spiega Daniele Mircuda  – Ci saranno quelle più concentrate, come quella avvenuta a Largo San Giacomo; quelle più clandestine, che serviranno a porre l’attenzione su alcune zone maltrattate della città, e anche schegge “più grandi”, che speriamo di organizzare entro ottobre”.

«Scopo del Connettivo è quello di riportare l’arte nella città e riaccendere i riflettori sull’ordinanza riguardo l’arte di strada, bloccata in consiglio comunale da anni e che non è mai stata davvero attuata» conclude.

Già qualche settimana fa, lo stesso Connettivo aveva organizzato un’altra estemporanea sul lungomare del Ringo, durante la quale si sono esibiti due musicisti e vari disegnatori e grafici.

L’obiettivo è quello di organizzare un evento a settimana.

Foto di Alessia Iraci

guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments