MESSINA. L’Arci Messina, in vista della Manifestazione “No Inceneritore” di domenica 28 Gennaio a Milazzo, domani pomeriggio organizzerà un volantinaggio informativo a Messina. L’appuntamento è a Piazza Cairoli, dalle ore 17 alle ore 20. Nel corso della settimana saranno previste anche altre iniziative e assemblee dei circoli Arci Centropassi di Torregrotta e Cohiba di Barcellona.

Non è la prima volta che l’Arci di Messina manifesta la sua contrarietà verso un modello di gestione dei rifiuti legato all’emergenza e con costi altissimi sotto il profilo ambientale ed economico. Si è ancora lontani dal dotarsi di un piano di gestione dei rifuti moderno e sostenibile, in grado di destinare maggiori risorse per la realizzazione di impianti e iniziative dei comuni utili a potenziare la raccolta differenziata (con livelli ancora troppo bassi soprattutto nella grandi città della Sicilia), sviluppando quell’economia circolare che prevede la Riduzione, il Riuso e il Riciclo degli imballaggi.

L’Arci Messina sottolinea inoltre che decisioni di questo tipo, come quella di localizzare un’opera con un elevato impatto ambientale sul territorio, vanno prese nel rispetto delle normative paesaggistiche e con la più ampia informazione e partecipazione possibile dei cittadini. La decisione di localizzare l’inceneritore nella valle del Mela, invece, non considera affatto nuovi e alternativi modelli di sviluppo, ma soprattutto non tiene conto delle richieste e dei bisogni di quegli abitanti che già da anni convivono con alti tassi di inquinamento prodotti dagli impianti industriali della zona (tra attivi e dismessi). Quanto ancora dovranno subire i cittadini della Valle del Mela?

Noi saremo dalla loro parte e per questo motivo aderiamo all’appello del movimento No inceneritore del Mela che domenica prossima porterà in piazza, non solo gli abitanti dei Comuni della Valle del Mela, ma anche quelli di Messina e degli altri comuni della provincia: cittadini, movimenti, comitati, associazioni , sindacati, partiti e amministrazioni locali che credono che un altro sviluppo in questo territorio sia e deve essere possibile.

 

guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments