MESSINA. Il ministero dell’Interno non è interamente soddisfatto della risposta del Cas, il consorzio autostrade siciliane, sulle misure di sicurezza e prevenzione dopo l’incendio nella galleria Telegrafo del 31 agosto, e pone al gestore dell’autostrada Messina-Palermo alcune domande “determinanti ai fini della sussistenza delle misure minime di prevenzione incendi”.

E’ successo che in seguito al rogo di un’auto all’interno della galleria che da quasi dieci anni si percorre ad una sola carreggiata di marcia per i lavori del viadotto Ritiro, i Vigili del fuoco avevano chiesto “accurata urgentissima verifica ai fini dell’adozione dei provvedimenti di competenza” riguardo ai provvedimenti di riapertura della galleria presi dal Cas, con particolare riferimento all’attenzione ai possibili danni del fuoco alla struttura. La richiesta si chiudeva con un pesante appunto nei riguardi del personale antincendio che, secondo il dispaccio, “non era presente e si sconosce l’attività svolta”. Immediata la risposta del Cas, che bollava quelle dei Vigili del fuoco come “gravi illazioni in relazione alle attività di sicurezza e intervento svolte da Autostrade Siciliane”, e ribatteva punto per punto alle perplessità sollevate.

Precisazioni, soprattutto quelle riguardanti i presidii antincendio dentro le gallerie, che non hanno convinto più di tanto il ministero dell’Interno (da cui il corpo dei pompieri dipende), che ha inviato al Cas e alla Prefettura di Messina una ulteriore richiesta di chiarimenti. Il Cas ha presentato ben 27 scia (segnalazione certificata di inizio attività) relative alle gallerie di lunghezza superiore ai 500 metri soggette ai controlli di prevenzione degli incendi nella tratta da Messina a Tusa (quindi tutta la provincia tirrenica fino al confine con Palermo) rispetto a questo, il comandante provinciale dei Vigili del fuoco Salvatore Tafaro chiede di conoscere “planimetria con l’ubicazione dei presidi, indicando la consistenza e i nominativi degli addetti antincendio”, e “copia degli attestati di idoneità, in corso di validità, degli addetti antincendio individuati, ricordando che devono essere rilasciati dal comando dei vigili del fuoco territorialmente competente”.

 

guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments