MESSINA. E’ botta e risposta tra l’assessore agli eventi musicali, Giuseppe Scattareggia e il promoter del concerto di Tiziano Ferro, Carmelo Costa, che dopo la risposta diffusa questa mattina dall’esponente della Giunta di Cateno De Luca (“L’Amministrazione comunale non ha negato lo svolgimento del concerto, ma ha soltanto precisato che per l’estate 2021 la decisione è rimessa al futuro gestore”, si legge in parte della lunga nota), chiede chiarezza sulle anomalie dovute alle garanzie fidejussorie e sottoline che “Noi comunque ci occupiamo di Musica e nessun balbettante comunicato può cancellare l’indignazione popolare di fronte ad una scelta così scellerata da parte del Comune di Messina come quella di chiudere le porte ai concerti nel 2021”.

“Veniamo a conoscenza di un comunicato Stampa dell’Assessore Giuseppe Scattareggia che, dopo un excursus che magnifica gli effetti del famoso bando fantasma in base ai suoi desiderata, dà informazioni fuorvianti circa i canoni versati al Comune di Messina per i concerti, che negli anni ammontano a centinaia di migliaia di euro”, esordisce Carmelo Costa di “Musica da bere”.

“Il fatto che gran parte di questi canoni siano stati spesi per sopperire alle mancate manutenzioni della struttura da parte del Comune o di altro soggetto gestore dell’impianto è stato un ulteriore aggravio di incombenze da parte degli organizzatori dei concerti – continua – Sull’argomento condividiamo invece la richiesta di fare luce su anni di opaca gestione dello Stadio e sulle responsabilità circa lo stato di semi abbandono in cui si trova”.

“La trasparenza vuole che si faccia piena luce sulla mancata sorveglianza da parte proprio dell’Assessorato retto dal signor Scattareggia, circa l’effettuazione della normale manutenzione dello Stadio e verifichi se sono state richieste ai soggetti che si sono succeduti nella gestione le dovute garanzie fidejussorie a garanzia della effettuazione delle manutenzioni previste a loro carico”, sottolinea Costa.

“Tali anomalie si verificano puntualmente da anni, ma si sono esasperate proprio negli ultimi due esercizi, ossia da quando l’Assessorato è retto dal signor Scattareggia – evidenza il promoter – Queste anomalie rischiano peraltro di perpetuarsi anche nella gestione dello Stadio post bando, qualora nel capitolato di gara non venissero previste garanzie fidejussorie serie e commisurate agli impegni presi e non venga stabilita una solidità economica adeguata rispetto al valore del bene ed agli impegni presi da parte del soggetto eventualmente aggiudicatario”.

“Noi comunque ci occupiamo di Musica e nessun balbettante comunicato può cancellare l’indignazione popolare di fronte ad una scelta così scellerata da parte del Comune di Messina come quella di chiudere le porte ai concerti nel 2021 – conclude – Invitiamo l’Assessore ad un confronto pubblico a Messina, o via streaming, affinchè le verità possano emergere in maniera chiara ed inequivocabile”.

guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments