MESSINA. Il sindaco Cateno De Luca, con il primo decreto sindacale dell’anno, il 14 gennaio ha nominato un commissario liquidatore, l’ennesimo che da oltre due decenni si avvicenda nel tentativo, fino ad oggi infruttuoso, di liquidare un ente, l’Associazione ente teatro di Messina (da non confondere con l’Ente teatro di Messina”, che dell’associazione ne è “figlio”), che in liquidazione lo è da 26 anni, dal lontano 1996 (qui tutta la storia). Ad essere nominata è Gabriella Abbratozzato, commercialista e revisore dei conti, unica ad aver risposto all’avviso pubblico del 28 dicembre (scaduto il 7 gennaio) per l’invio dei curricula per concorrere all’incarico da commissario.

Il compenso per il commissario liquidatore, diecimila euro, sarà a carico di Comune e Città metropolitana di Messina (in quanto soci dell’Associazione Ente Teatro in liquidazione al 33,3% ciascuno, il terzo era la Regione Siciliana) nella misura del 50% ciascuna, come stabilito da un protocollo d’intesa stipulato dai due enti a novembre scorso “al fine di porre in essere tutte le procedure previste dalla vigente normativa per l’individuazione di un soggetto qualificato ad assumere l’incarico di liquidatore unico dell’Associazione Ente Teatro di Messina, in rappresentanza di entrambi gli Enti”.

La “associazione ente teatro di Messina”, nata nel 1988 e messa in liquidazione nel 1996, in quello stato di sospensione è ancora oggi: dal 15 ottobre 1988 al febbraio 1996 si è occupata di “produrre, coprodurre, organizzare e distribuire la rappresentazione di spettacoli lirici musicali, di prosa e di danza nell’ambito della città di Messina”: dal 1995, l’Ente Autonomo Regionale “Teatro di Messina”, ne ha preso il posto e la dotazione economica iniziale, quattro miliardi e mezzo delle vecchie lire, passate nella disponibilità dell’ente autonomo regionale quale “importo residuo del contributo regionale per l’esercizio 1993 corrisposto all’associazione Ente Teatro di Messina e non speso nell’esercizio di competenza”. Nell’atto notarile con cui è disposta la liquidazione si legge che l’associazione cessa di esistere perchè “lo scopo sociale è stato interamente assorbito dal nuovo Ente Regionale”.

guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments