MESSINA. “La decisione di prevedere il Centro per i tamponi nello spazio utilizzato solitamente per il mercato rionale di Giostra, è una scelta che è riuscita a scontentare tutti: dagli stessi operatori economici del mercato, ai residenti del quartiere, a tutti i cittadini che per lavoro o per spostamenti si trovano a percorrere questo asse viario provendendo o dovendo entrare i autostrada dallo svincolo”. A dirlo in una nota il consigliere della Quinta circoscrizione Gabriele Rossellini, esponente Movimento 5 Stelle, commentando il recente provvedimento del Comune di inserire un Hub per i tamponi nello spazio previsto per il mercato bisettimanale e di spostare gli operatori economici al centro del Viale Giostra.

“Auspico – continua Rossellini – che si tratti di una soluzione solo momentanea dovuta all’emergenza pandemica. Mi auguro che il Comune al più presto, passato il picco dei contagi, chiuda questo Centro e ripristini il mercato nel luogo dove era stato adibito. Questo sia per non complicare la situazione della viabilità considerando il grande numero di auto che percorrono ogni giorno il viale Giostra”.

“Questa ultima scelta di spostare di nuovo il mercato degli ambulanti al centro dell’asse viario non piace naturalmente ai residenti, che appunto per quasi trent’anni si sono battuti per lo spostamento degli ambulanti e ora si trovano di nuovo a dovere fare i conti con problemi di viabilità, decoro igienico sanitario e sicurezza difficili da gestire – prosegue – Prevedibili difatti, spostamenti complicati per i mezzi di soccorso, dei vigili del fuoco o delle forze dell’ordine, dovuti alla presenza degli ambulanti in strada e il caos viario dovuto, tra l’altro, alla presenza di un altro Centro per effettuare i tamponi poco distante al gasometro. Questa decisione inoltre non è stata per niente apprezzata dai cittadini che si trovano ogni giorno a percorrere il viale Giostra provenendo dallo svincolo autostradale e che incontreranno traffico stradale consistente. Ricordiamo che la presenza degli ambulanti in strada era stata eliminata anche dopo per l’attivazione dello svincolo perché non sicuramente adeguata visti i prevedibili passaggi anche di automezzi pesanti. Si tratta di un provvedimento che scontenta anche diversi ambulanti ormai abituati a lavorare in un luogo al chiuso più adatto al tipo di lavoro che devono svolgere”.

Da evidenziare infine, che il Comune avrebbe potuto chiedere, come avvenuto in passato, un parere della Quinta circoscrizione, composta da chi sicuramente conosce bene il territorio e avrebbe povuto suggerire un’altra area o evidenziare preventivamente le problematicità che si andavano a creare – conclude – Al termine della fase acuta della pandemia, che spero sia vicina, chiedo un immediato ripristino del mercato nell’area assegnata per ristabilire la normalità e creare minori disagi ai residenti”.

guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments