Di Andrea Denaro

TRAPANI. Saranno 115 km da percorrere in due giorni (52km e 63 km), passando per i comuni di Marsala e Petrosino. Il “Giro dei due mari con Marzia”, la manifestazione cicloturistica che si tiene a giugno nella provincia di Messina, arriva nel trapanese questo weekend (4 e 5 maggio) per “abbattere le barriere della diffidenza, i muri del pregiudizio e della divisione”, si legge nella locandina.

L’ispiratrice del progetto è Marzia Raineri che, nonostante la disabilità e grazie alla sua famiglia, in particolare al padre Gianni che le ha costruito una bici speciale, è riuscita ad intraprendere un percorso di vita attivo, all’insegna della voglia di stare insieme, crescendo in mezzo a tanti giovani che come lei condividono la stessa passione per lo sport. Fra questi, gli amici dell’ “Asd Cicloturistca di Castanea”, che hanno coadiuvato per la realizzazione dell’evento nella Sicilia occidentale come per la manifestazione che si tiene ormai da tre anni (quest’anno sarà il quarto) a Messina.

Si partirà da Marsala sabato 4 maggio alle 9, esattamente dal monumento “Ai Mille”, percorrendo la litoranea fino a Petrosino. Lì ci sarà una sosta all’Istituto comprensivo statale “Gesualdo Nosengo”, dove verrà lasciato un gagliardetto per ricordare l’impegno preso dalla scuola: la costruzione di bagni senza barriere. Altro obiettivo che si prefigge il gruppo, infatti, è di consegnare una bandierina raffigurante dei piccoli rinoceronti, simbolo di potenza, dove ci sono ancora barriere evidenti, con lo scopo di ricordare alle istituzioni che vanno abbattute al più presto.

Successivamente si proseguirà per “Piazza Biscione”, con una seconda tappa nei gazebo per il ristoro dove i partecipanti e le associazioni coinvolte accoglieranno Marzia.

Dopo pranzo si rientrerà a Marsala dove ci si fermerà davanti al monumento “Ai mille” per lasciare un secondo gagliardetto, in segno dell’impegno preso dall’amministrazione affinché sia garantito l’accesso al terrazzo panoramico a tutti in maniera libera e autonoma. Per il ritorno in hotel si passerà per il Bastione San Francesco, concludendo così la prima giornata.

Domenica 5, dopo la colazione, si partirà dal convitto agrario “A. Damiani” verso la piscina comunale di Marsala, dove i responsabili illustreranno, con esempi pratici, il funzionamento dell’elevatore utilizzato per i ragazzi con difficoltà motorie. Qui verrà fissato un gagliardetto in segno della barriera abbattuta.

Subito dopo si proseguirà in direzione “Piazza della Repubblica” per arrivare nella chiesa madre di Marsala, dove si svolgerà la Santa Messa che avrà inizio circa alle 10:30. Terminata la funzione, si procederà per la litoranea ammirando la “Laguna dello Stagnone” e i suoi fenicotteri rosa, per poi arrivare all’imbarcadero storico gestito da “Arini & Pugliese” e alle aree di sosta di “Mario Ottoveggio” e di “Oro Bianco”, dove saranno allestiti dei gazebo per il ristoro in attesa del traghetto che permetterà giro della laguna, disponibile gratuitamente fino alle 18.

Intorno alle 15, il gruppo si dirigerà verso Baglio Oneto, concludendo lì la prima edizione del “Giro dei due mari con Marzia nella terra d’Ocidente” che, in questi due giorni, supererà i limiti fisici e culturali del territorio, sconfiggendo l’ostacolo più grande: l’indifferenza, come si legge alla fine del volantino.

Per tutto il tragitto il gruppo verrà scortato dalle forze dell’ordine e dai volontari, mentre sulle pagine social dell’evento e su “Lettera Emme” sarà possibile seguire il gruppo e leggere il diario di bordo a fine giornata, pubblicato sul blog “#Maipiùbarriere”.

 

guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments