G7-taormina

TAORMINA. Per RaiNews, Taormina è in provincia di Catania. La Perla dello Ionio che ospiterà il G7 nel finesettimana, provincia messinese sin dal 1861, quando per la prima volta si iniziarono a delimitare i confini che portarono poi, nel dopoguerra, agli enti amministrativi delle Province Regionali (anche oggi che sono state cancellate e le Città Metropolitane ne hanno preso il posto), per la televisione di stato è diventata provincia etnea.

E’ il “sottopancia” che ha troneggiato per un bel po’ nella diretta dalla cittadina, in onda su RaiNews, il canale Rai dedicato a notizie e approfondimenti. Lo scivolone ha dato il via alle cantilene social, sulle quali si è innestato sia il campanilismo che il vittimismo, complice anche la “non notizia” secondo la quale sarebbe il sindaco di Catania Enzo Bianco a fare gli “onori di casa” al G7.

Notizia che non è vera: Enzo Bianco ospiterà le First Ladies (e due First Gentlemen) al municipio di Catania durante la gita organizzata dalla moglie del premier Manuela Gentiloni, e offrirà loro il pranzo.

Quella dell’errata posizione geografica di taormina è comunque un errore non troppo raro, d’altra parte: su Google, infatti, la chiave di ricerca “Taormina provincia Catania” è presenta 484mila volte, quella esatta, “Taormina provincia Messina” solo poco di più, 530mila volte. A dire la verità, che in Sicilia spesso geograficamente si prendano cantonate clamorose non è raro. Due settimane fa, infatti, sul quotidiano La Verità diretto da Maurizio Belpietro, Caltagirone è stata piazzata in provincia di…Palermo. Città dalla quale dista più o meno duecento km.

 

guest
1 Comment
meno recente
più recente più votato
Inline Feedbacks
View all comments
Dino
Dino
25 Maggio 2017 18:13

Accade spesso; l’errore nasce forse dal fatto che Catania ha l’aeroporto, dove arriva chiunque vada a Taormina, che tra l’altro insieme a Giardini Naxos sorge proprio sul limite della provincia messinese. Lo scalo più vicino a Messina è a Reggio Calabria, molto scomodo perché c’è da attraversare lo Stretto.
La spiegazione, per quanto ammissibile, non giustifica comunque la cantonata della Rai.