MESSINA.  È stata inaugurata oggi la sede del comitato elettorale di Messina della coalizione di centrosinistra. Franco De Domenico ha presentato la sede elettorale presso l’ex Jolly Hotel di Viale Garibaldi. La sala piena ha assistito al primo discorso di De Domenico al grande pubblico.

«Speriamo tra due mesi di trasferirci di circa duecento metri più in là – ha spiegato De Domenico- Ho accolto con grande piacere e grande onore questa candidatura che gli amici della coalizione del centrosinistra mi hanno voluto affidare. Una delle poche volte che il centro sinistra è unito in questa città»

«Oggi- continua il candidato del centrosinistra-  siamo riusciti a fare sintesi attorno al mio nome e credo che questo sia un grande risultato di maturità politica. Noi abbiamo l’ambizione di dire e di assistere ad oggi ad una città che si spegne progressivamente. Non dobbiamo rilanciare la città a chiacchiere. Noi vogliamo rilanciare la città con volontà di lavoro. Ripartiremo dal mare che da una prospettiva di lavoro e l’ha sempre data. Siamo città metropolitana e dobbiamo confrontarci da città metropolitana non con le province. Nei prossimi anni si gioca il futuro di Messina. Ogni giorno incontro persone che mi propongono idee di sviluppo per migliorare servizi pubblici e fare impresa. Queste persone sperano in una città del futuro che sia attrattiva di uomini, attrazioni culturali e investimenti»

«Vogliamo creare posti non da 600€ al mese sfruttando i ragazzi per una stagione. vogliamo creare posti di lavoro con salari dignitosi. Certo non potremmo trattenere tutti i giovani perché in un mondo globalizzato c’è chi vorrà realizzare i propri sogni fuori ma dobbiamo dare la possibilità ai giovani da fuori di venire qui. Quelli decisivi non sono i primi 100 giorni ma i mille giorni ma noi vogliamo accogliere la sfida. Spero di essere eletto al primo turno e nei primi 100 giorni pianterò 100 alberi in tutti quei buchi dove mancano alberi. Una sfida da cogliere entro un mese. Questo ha valenza simbolica perché l’albero è vita e rinascita. Ai miei alleati chiederò la competenza. Noi discutiamo quale futuro e quale obiettivo di questa città e non di spartirsi le poltrone. Le deleghe verranno secondo le competenze.»

guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments