MESSINA. Oltre due ore di fila agli imbarcaderi a Villa san Giovanni per andare in Sicilia, code che iniziavano sull’autostrada e traffico in tilt nella cittadina calabrese. E’ il “sabato nero” della viabilità tra le due sponde dello Stretto, con un interminabile carrozzone di auto e pullman in attesa da ore, fermi sulla tangenziale, addirittura molto prima della biglietteria, col traffico per il traghettamento che si è “scontrato” con quello già caotico dell’antivigilia di Natale.

Sono gli effetti del “controesodo” natalizio verso la Sicilia, che quest’anno ha visto il massiccio ritorno del traffico gommato, dovuto alle impossibili tariffe di treni ed aerei durante il periodo delle feste. Inviperiti gli automobilisti in fila, alcuni dei quali hanno inviato le foto a corredo del pezzo: uno di loro si è lasciato andare ad una riflessione. “Abbiamo condiviso un’auto da Milano e Roma per cercare di contenere i costi, che ormai sono proibitivi. Però se di tre o quattro giorni di ferie, due li dobbiamo trascorrere in viaggio e sei ore in fila per traghettare, dubito che lo faremo più. Praticamente ci stanno obbligando a non tornare più a casa“.

guest

1 Comment
meno recente
più recente più votato
Inline Feedbacks
View all comments
Nives
24 Dicembre 2017 16:43

Io ieri ho fatto la fila agli imbarchi privati per circa zz’ora, il tempo che arrivasse la nave, scaricasse e carcasse. Temevo di dover fare una lunga fila, invece no. Erano circa le 17:00 del 23/12/2017