MESSINA. E’ arrivata per la prima volta in Sardegna questa mattina la nuova nave da crociera della compagnia Costa, Costa Smeralda, partita da Savona e che prevede, fra le prossime tappe, anche la città dello Stretto il 14 ottobre, insieme a La Spezia, Cagliari, Napoli e Civitavecchia/Roma. Si tratta del primo itinerario post lockdown del vascello, che attualmente conta oltre 400 passeggeri, ospiti in un modello di tecnologia green tra le più avanzate con i suoi 337 metri di lunghezza e 50 di larghezza (capienza massima 6.500 passeggeri più 1500 di equipaggio).

La nave, la più grande mai approdata in Sardegna, è stata accolta da misure di sicurezza sin dallo sbarco al porto, costituendo un “effetto bolla” per passeggeri e personale operativo anche a terra, soggetto anche rilevazione delle temperature e screening, anche per chi entrerà in contatto con i passeggeri del vascello solo una volta a terra.

Secondo il Costa Safety Protocol prevede una serie di misure di sicurezza principali: test con tampone per tutti gli ospiti e l’equipaggio prima dell’imbarco, controllo della temperatura ogni volta che si scende e si rientra in nave, visite delle destinazioni solo con escursioni protette, distanziamento fisico a bordo e nei terminal anche grazie alla riduzione del numero di passeggeri, nuove modalità di fruizione dei servizi di bordo, potenziamento della sanificazione e dei servizi medici, utilizzo della mascherina protettiva quando necessario.

Già da qualche giorno, inoltre, è attraccata al porto di Messina la Msc Splendida, in “sosta inoperosa”. E si prevede che rimarrà in riva allo Stretto per tutto il 2020.

guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments