ROMA. Impugnative immediate per chi aggira il Dpcm: Trento ed eventualmente anche la Sicilia.
L’avvertimento arriva dal ministro degli affari regionali, Francesco Boccia.

“Ho trasmesso la richiesta di impugnativa per i provvedimenti adottati della Provincia Autonoma di Trento. Il medesimo provvedimento sarà attivato per tutte le Regioni e le Province Autonome che decideranno di aggirare le disposizioni del dpcm. È in corso di valutazione l’ordinanza della Provincia Autonoma di Bolzano. Duole constatare, per alcune dichiarazioni pubbliche, la non completa consapevolezza della situazione sanitaria in Italia e duole ancor di più che non siano tenuti in dovuto conto i dati uniformi di rischio. Non fa eccezione la Regione Autonoma Siciliana che oggi ha anticipato attraverso il Presidente Musumeci, l’ipotesi di un ddl che, se dovesse essere approvato, sarà immediatamente impugnato dal Governo”.

Proprio ieri, l’ordinanza del presidente della Provincia di Trento era stata suggerita dal sindaco di Messina Cateno De Luca al presidente della regione Siciliana Nello Musumeci come esempio da seguire per il provvedimento da adottare in Sicilia per la riapertura di cinema e teatri e il prolungamento dell’orario di chiusura di bar, pub e ristoranti

guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments