MESSINA. Il Consiglio dei ministri, durato poco più di mezz’ora, ha annullato l’ordinanza del sindaco di Messina che limita gli spostamenti in Sicilia, attraverso lo Stretto, come misura contro il diffondersi del Covid-19. L’altolà all’ordinanza del primo cittadino messinese, Cateno De Luca, era arrivato già dal Consiglio di Stato, che aveva espresso parere contrario. L’annullamento dell’ordinanza dovrà ora essere recepito con decreto della Presidenza della Repubblica, si legge in un’agenzia Adnkronos.

«Mi vogliono politicamente ammazzare a colpi di lupara di Stato», aveva commentato stamattina il sindaco, che ieri aveva accusato il Governo di volergli impedire di monitorare cosa succede sullo stretto di Messina “forse perché scoveremmo anche i corriere della droga e della malavita organizzata”.

 

guest
3 Commenti
meno recente
più recente più votato
Inline Feedbacks
View all comments
emmeaics
emmeaics
9 Aprile 2020 14:11

come volevasi dimostrare!
de luca fa solo propaganda!

trackback

[…] un Cateno De Luca sorprendentemente “istituzionale” quello che ieri pomeriggio ha preso atto dell’annullamento dell’ordinanza sull’obbligatorietà dell’iscrizione alla banca dati per attraversare lo Stretto di […]

trackback

[…] sostanza, per il provvedimento del Governatore si prevede un iter molto simile a quello relativo all’annullamento dell’ordinanza sindacale del sindaco di Mes…, che istituì la banca dati “Si passa a condizione” per limitare gli spostamenti in Sicilia […]