CASTIGLIONE DI SICILIA. Andrà in scena il 2, 3 e 4 aprile prossimo, al Picciolo Etna Golf Resort di Castiglione di Sicilia, la tredicesima edizione de “Le contrade del vino”, storica manifestazione che sin dalla prima edizione del 2008 promuove i vini del vulcano con il coinvolgimento delle cantine del territorio. L’organizzazione, per volere del fondatore Andrea Franchetti già due anni fa, è adesso affidata alla società messinese Crew di Raffaella Schirò e Massimo Nicotra, che è riuscita a coinvolgere, per l’edizione 2022, la prima dopo la pandemia di covid, ben novanta cantine, e che è al lavoro per organizzare una prossima manifestazione a Messina, per promuovere i vini di città e provincia.

La kermesse si apre sabato 2 aprile alle 9.30 con una breve cerimonia di inaugurazione e il ricordo di Franchetti, recentemente scomparso. Alle 11.15 spazio all’ospite d’eccezione, Attilio Scienza, docente universitario, tra i maggiori esperti al mondo di vitivinicoltura, che terrà una conferenza sull’Etna e i suoi vini. A seguire le master class dedicate ai vini dell’Etna, condotte da Federico Latteri: ore 12.30 i Rosati (vini annata 2020); ore 14.30 i Bianchi (vini annata 2019); ore 16.30 i Rossi (vini annata 2019); ore 18.30 i Rossi (vini annata 2017). Alle 20.30, sempre al Picciolo, rinfresco di benvenuto con i produttori, giornalisti e sponsor. La seconda giornata, domenica 3 aprile, si apre alle 9.30 con la presentazione dei vini en primeur ai giornalisti di settore, enologi, critici del vino e influencer. Dalle 12.30 alle 19 grande banco d’assaggio aperto al pubblico, i biglietti sono disponibili sul sito www.lecontradedelletna.com e sul circuito TicketOne. Lunedì 4 aprile (9.30-16.30) è l’ultimo giorno dedicato agli operatori commerciali, enoteche, ho.re.ca., importatori, grossisti e agli ospiti delle cantine presenti.

Contrade dell’Etna è una rassegna caratterizzata da un’impronta fortemente conviviale che vuole riunire i produttori locali nel rituale dell’”en primeur” importato direttamente dalla storica tradizione di Bordeaux, ma con protagonista il vulcano più alto d’Europa. E’ sulle sue pendici che sorgono infatti tutte le Contrade, ciascuna caratterizzata da proprietà e peculiarità uniche e inimitabili, determinate dalle differenti composizioni del terreno. Le caratteristiche organolettiche, i differenti microclimi e l’inedita composizione stratificata del terreno fanno sì che ciascun vigneto etneo acquisisca una propria identità

guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments