MESSINA“L’intenzione dell’Amministrazione di voler far effettuare le prove preselettive dei prossimi concorsi direttamente a domicilio è un’autentica assurdità!”. Parole del consigliere comunale Libero Gioveni, capogruppo di Fratelli d’Italia, che in una nota contesta le modalità scelte da Palazzo Zanca.

“I motivi che mi spingono a prendere posizione rispetto a questa scelta – spiega Gioveni – sono soprattutto riconducibili sia alle evidenti difficoltà che avranno tutti i candidati ad allestire, anche a proprie spese, una sorta di postazione da ‘grande fratello’, sia ad una non proprio del tutto garantita trasparenza delle prove rispetto a delle altre espletate invece in presenza con controlli diretti sui candidati”.

“Un precedente simile peraltro era stato messo in atto da ATM con le ultime procedure concorsuali per l’assunzione di autisti – ricorda il consigliere – che però aveva creato non pochi problemi ai candidati che si erano dovuti organizzare con proprie telecamere collocate in più punti dell’ambiente, oltre che con attrezzatura per l’audio. Era stata un’autentica agonia per gli aspiranti autisti quella giornata, seppur quella scelta era stata giustificata dalle rigide restrizioni Covid vigenti in quel periodo. Ma adesso che queste restrizioni non sono più in essere – insiste l’esponente di FdI – non riesco a comprendere questa scelta visto che per accogliere in sicurezza delle possibili migliaia di candidati la nostra città sarebbe certamente preparata, disponendo di parecchie aree o siti che si potrebbero utilizzare per l’occasione (Palarescifina, capannoni area fieristica, Polo Papardo ecc.)”.

“Mi auguro quindi – conclude Gioveni – che il sindaco Basile, essendo ancora in tempo per pianificare le possibili prove preselettive, possa modificare questa discutibile decisione dei test a domicilio e individuare già da ora una o più eventuali sedi ospitanti, coinvolgendo all’occorrenza, in caso di titolarità diversa dei siti, anche i responsabili degli enti proprietari”.

 

guest

2 Commenti
meno recente
più recente più votato
Inline Feedbacks
View all comments
Giovanni
Giovanni
5 Gennaio 2023 11:27

È già tutto pianificato per chi DEVE entrare.
Prove da casa (ah mio nipote mi ha spiegato come organizzarsi con la tecnologia per copiare), punteggio titoli di studio non previsti ( dite ai vostri figli di non studiare a scuola tanto prendere il max o il min è la stessa cosa, poi entrano i raccomandati nei posti pubblici) e noi cittadini paghiamo anche per finanziare le farse

messinese doc
messinese doc
18 Gennaio 2023 19:04

Questi concorsi saranno una farsa e nel contempo una tomba per Cateno e soci, del resto nel suo come negli altri sono tutti raccomandati qui ci sarà una netta assunzione guardando il luogo di residenza, devono provenire da Santa Teresa e dintorni altrimenti niente da fare, del resto noi messinesi siamo cosi senza spina dorsale