MESSINA. «Svincolo di Gazzi ancora chiuso (si spera fino a domani come da programma) e stamattina spuntano pure dei semafori mobili in via Del Santo per un senso unico alternato resosi necessario per lavori! Ma come si fa?». Il consigliere comunale e capogruppo di Fratelli d’Italia Libero Gioveni denuncia il caos viario totale che stamani ha raggiunto livelli ancora più critici e insostenibili all’intersezione di Gazzi a causa della concomitanza di lavori in via Del Santo “che, certamente, potevano e dovevano essere evitati in questo periodo”.

«Se come sembra lo svincolo di Gazzi sarà riaperto sabato – si chiede Gioveni – perché infierire sugli automobilisti messinesi appena due giorni prima? Non si poteva aspettare la prossima settimana? Perché non istituire una cabina di regia fra Comune, CAS e società concessionari e quando vi è una concomitanza degli interventi? Perché non provare a calendarizzare con più oculatezza e raziocinio i lavori programmati sul territorio, di qualsivoglia natura? Ci si rende conto – prosegue incredulo il consigliere – che proprio l’intersezione di Gazzi in cui conferiscono nelle ore di punta migliaia di autovetture da Gescal, San Giovannello, via Comunale Santo, Bordonaro, Cumia, Fondo Fucile, villaggio Aldisio, San Filippo e via Del Santo, è forse quella con più elevate criticità anche in tempi normali? Figuriamoci quando vi sono, come in questo periodo, chiusure o interferenze. Le file chilometriche presenti in tutte le diramazioni dell’intersezione – insiste l’esponente di FdI – stamattina facevano davvero impressione, con le immaginabili imprecazioni degli automobilisti in preda a crisi di nervi! Rimango davvero basito per la troppa superficialità con cui si affrontano in questa città simili situazioni – conclude indignato Gioveni. Dove sono andati a finire i blitz del sindaco De Luca?? Li faccia per verificare soprattutto queste vergogne, magari rinunciando a qualche spremuta d’arancia mattutina».

guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments