MESSINA. Arriva anche a Messina la consapevolezza dei pericolo del cambiamento climatico in atto nel pianeta: dopo la manifestazione degli studenti di venerdi, che in duemila piazza del mondo ha visto sfilare in contemporanea milioni di studenti, all’appello si associano Massimo Parisi, segretario della federazione provinciale del Giovani democratici di Messina, e Antonio Sebastiano Restifo, coordinatore della Federazione degli studenti

“Non poteva restare inascoltato l’appello della giovane Greta Thunberg che da quasi un anno è impegnata in una campagna per difendere l’ambiente e quindi il nostro futuro – scrivono in una nota – La sua voce è stata un monito per risvegliare le coscienze. La sua voce è diventata la bandiera di chi ogni giorno si impegna contro l’inquinamento, lo scioglimento dei poli, la distruzione delle foreste. Il messaggio di Greta è stato così forte da mobilitare milioni di giovani in tutto il mondo che sono scesi nelle piazze per un mondo migliore, con la speranza che la politica si impegni nella tutela dell’ambiente. Il 15 marzo in oltre 2 mila piazze di tutto il mondo i giovani hanno dato vita all’evento “Friday for Future” dimostrando quanto sia sentita la preoccupazione sul futuro della Terra ed hanno rilanciato un sogno che sembrava accantonato da chi pensa di ritornare al carbone o continuare ad investire sul nucleare. Il messaggio di noi giovani è stata una boccata d’aria fresca che dovremo portare avanti perché non resti solo un bel giorno, ma diventi un impegno quotidiano di sensibilizzazione e rinnovamento delle politiche a favore dello sviluppo ma pensando a tutelare il nostro futuro. Il nostro pianeta è in pericolo, il nostro futuro è in pericolo. Tocca a noi costruire un futuro migliore, non dimenticando che proprio la salvaguardia del paesaggio rappresenta una delle ricchezze più importanti di Messina e della nostra Sicilia, che molto spesso però dimentichiamo, abbandoniamo o distruggiamo perché non si vuole investire nella sua difesa, nella sua valorizzazione”, concludono.

guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments