MESSINA. Pareri discordanti sulla riuscita dello sciopero di ieri mattina all’Atm di Messina, in cui il personale ha incrociato le braccia per quattro ore, dalle 9 alle 13. In quanti sono stati? L’80%, avevano spiegato stamattina trionfalmente i sindacati organizzatori della manifestazione nazionale.

Non è della stessa opinione Pippo Campagna, presidente dell?Atm: “Si precisa che l’adesione da parte del personale dipendente di ATM SpA è stata pari a poco meno del 21%, ovvero 95 dipendenti su 453”, spiega.

“Gli operatori di esercizio che hanno aderito allo sciopero sono stati 70 (59 gommato ed 11 tranvia). Si evidenzia, inoltre, la singolare coincidenza che 43 avevano già ricevuto contestazioni in materia disciplinare nelle scorse settimane da parte dall’Azienda”, aggiunge Campagna.

“Il Presidente e gli organi direttivi ringraziano tutti coloro che hanno ritenuto più utile e responsabile garantire i servizi, tenuto conto del particolare momento storico e delle gravi difficoltà economiche che investono il tessuto produttivo locale, soprattutto nel rispetto degli studenti nel loro “primo” giorno di scuola dopo il lungo periodo di Didattica a Distanza”, conclude il presidente dell’Atm.

Al quale risponde Michele Barresi della Uiltrasporti: “Con i dati dello sciopero si può giocare . Lo sciopero prendeva una fascia di sole 4 ore e non tutto il personale opera in quella fascia. Il dato è che sul personale di esercizio in servizio dalle 9 alle 13 la percentuale è del 80% e i mezzi sono entrati tutti i deposito”, dichiara, confermando i numeri dei sindacati.

“Lo sciopero lo fa soprattutto il personale di esercizio che ha risposto in gran numero e il trasporto a Messina nella fascia oraria stabilita si è fermato e questo Campagna non può nasconderlo . Campagna è preoccupato perché l’azienda ha fatto di tutto per “convincere” il personale a non scioperare ma il diritto allo sciopero non può essere messo in discussione. In merito alle inopportune considerazioni sulla contestale partenza della scuola i lavoratori si sono dimostrati più responsabili certo delle dichiarazioni del presidente garantendo i servizi scolastici. Le dichiarazioni del presidente Campagna , che è componente di Asstra , associazione nazionale datoriale , sono molto gravi e sarà opportuno farne partecipi i vertici delle segreterie sindacali nazionali”, conclude il sindacalista.

guest
1 Comment
meno recente
più recente più votato
Inline Feedbacks
View all comments
trackback

[…] dell’azienda Pippo Campagna l’adesione è stata di gran lunga inferiore, meno del 21%.(qui le due versioni). A ribadire nuovamente la loro versione, in una nota, sono adesso le sigle sindacali, che […]