MESSINA. Il regolamento Cosap? È da riscrivere. Lo sostiene in una nota Maria Flavia Timbro, in corsa come vicesindaco per il centrosinistra a Messina: “Sono sempre più numerose le saracinesche che, giorno dopo giorno, rimangono abbassate persino nelle principali vie cittadine. Questo quadro già precario è stato ulteriormente aggravato dall’adozione del testo che disciplina il rilascio delle concessioni per l’occupazione di spazi ed aree pubbliche e per l’applicazione del relativo canone, oltre che all’incremento delle tariffe del 2011. La tassa comunale che incide sui commercianti che vogliono utilizzare aree esterne, a Messina – scrive – ammonta a circa 10 mila euro per 100 mq, a fronte dei 2 mila e 6 mila euro che pagano gli esercenti trapanesi e catanesi. Una somma che appare proibitiva e che, come appare evidente dal paragone con le altre città siciliane, manifesta una sproporzione tra il corrispettivo richiesto e il valore dell’area concessa”.

In tal senso, “nell’ottica di rilanciare le attività commerciali e di snellire la macchina amministrativa cittadina, il Regolamento Cosap andrebbe immediatamente modificato anche in modo da ridurre i tempi biblici con i quali vengono esitate le pratiche per ottenere le concessioni, introducendo una norma che preveda che l’occupazione di aree, almeno quelle temporanee, possa avvenire attraverso la redazione di una istanza autoassentita accompagnata da relazione di tecnico iscritto all’albo oltre che riducendo le tariffe che meritano di essere adeguate a quelle delle altre città siciliane”, sostiene Timbro, che aggiunge: “Nell’ottica anche di un rinnovato rapporto tra pubblico e privato sarà importante prevedere la possibilità di compensare le cifre da corrispondere attraverso l’investimento in arredi urbani concertati o in iniziative culturali, sociali o di filiera (‘baratto amministrativo’)”.

guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments