Messina, stop agli ambulanti lungo le litoranee nord e sud

L'ordinanza sindacale sarà attiva fino al 21 settembre, con esclusione delle feste patronali per le quali è ammesso il rilascio di autorizzazioni temporanee

 

MESSINA. Divieto di commercio sulle aree pubbliche per gli ambulanti lungo le litoranee nord e sud per la stagione estiva. E’ quanto dispone l’ordinanza sindacale per il tempo a decorrere dal 21 giugno al 21 settembre, con esclusione delle feste patronali per le quali è ammesso il rilascio di autorizzazioni temporanee sino ad un massimo di cinque giorni.

Il provvedimento, disposto in quanto gli “ambulanti recano disturbo alla circolazione veicolare invadendo spesso la sede stradale con occupazioni abusive di tavoli e sedie“, si legge nell’ordinanza, interessa il lato nord della rotatoria di viale Annunziata e via Consolare Pompea SS113; le vie Lago Grande SP43 e SP46 a Ganzirri; le vie Palazzo, Torre Nuova, Fortino, Senatore Arena, Pozzo Giudeo a Torre Faro e SS113 sino all’incrocio con la strada che conduce al lido “Le Dune” di Mortelle; il lato sud dall’incrocio SS114 con via Nazionale Santo Stefano Marina al ponte Torrente Briga.

Chiunque violi quanto è espressamente vietato dall’ordinanza è soggetto alla sanzione amministrativa accessoria del pagamento in misura ridotta pari a 450 euro, con conseguente sequestro della merce e revoca della licenza.

Lascia un commento

avatar
400