“Sosta breve e autobus a sinistra”, Rizzo (Pd) in soccorso dei commercianti di via Garibaldi

Il consigliere comunale sposa l'idea di Lillo Valvieri e chiede l'istituzione di stalli per le auto davanti ai negozi. A sinistra la corsia preferenziale, ma non è chiaro come farebbero a scendere i passeggeri. Sull'attività "repressiva" dei Vigili: "Legittima, ma lede gli interessi economici dei commercianti della zona"

 

MESSINA. Dopo Lillo Valvieri, presidente dell’associazione “Le Vetrine” di via Garibaldi, anche il consigliere comunale del Pd Massimo Rizzo corre in soccorso dei negozianti dell’arteria cittadina, proponendo degli stalli per la sosta breve delle auto, che potrebbero così parcheggiare davanti ai negozi, e al contempo lo spostamento della corsia preferenziale degli “shuttle” e degli altri mezzi pubblici alla sinistra della carreggiata. Resta da capire come farebbero a scendere dai bus i passeggeri, dato che le porte di ingresso si trovano sulla destra. 

“Il tratto della via Garibaldi, dalla Prefettura a piazza Castronovo, è del tutto sprovvisto di stalli per il parcheggio e/o la sosta di autovetture e ciclomotori – scrive Rizzo – L’attuale corsia preferenziale, a causa della presenza degli alberi, è inadeguata ed inefficace allo scopo. Nell’ultimo periodo, a seguito delle modifiche al piano trasporti dell’ATM è stata istituita la cosiddetta linea “Shuttle”, che in astratto prevederebbe tempi brevi di percorrenza da un capo all’altro della città e quindi, al fine di agevolare la marcia degli autobus, è stata intensificata la presenza della Polizia Municipale impegnata ad elevare contravvenzioni a chiunque sosti, anche per brevissimo lasso temporale, dinanzi agli esercizi commerciali, nonché ai ciclomotori parcati sul marciapiede per l’inesistenza di appositi stalli. Tale intensa attività repressiva, assolutamente legittima, tuttavia lede gli interessi economici dei commercianti della zona, in quanto rende di fatto impossibile la sosta ai loro clienti in quanto, come detto, non esistono spazi riservati alla sosta, con gravi ripercussioni per gli operatori di un settore già afflitto da una crisi endemica del commercio”.

“La soluzione – propone Rizzo – potrebbe essere quelle di prevedere degli stalli per la sosta breve delle auto in quanto sarebbero idonei a regolamentare la sosta stessa, non interferire sulla circolazione stradale e tutelare i legittimi interessi dei commercianti la tipologia di una larga maggioranza degli esercizi commerciali presenti nella citata strada è destinata ad utenti cosiddetti di passaggio, i quali hanno necessità di parcheggiare l’auto per un tempo brevissimo sufficiente per acquisti rapidi.In tal modo, sarebbero soddisfatte le esigenze degli utenti e dei commercianti, nonché il transito scorrevole degli autobus, ed il tutto nell’assoluto rispetto della normativa vigente prevista dal codice della strada”

“Inoltre – conclude – sarebbe possibile realizzare le corsie preferenziali alla sinistra di ogni carreggiata, rendendole promiscue al passaggio contemporaneo di mezzi pubblici e privati, cosi consentendo ai primi una più rapida circolazione”.

Lascia un commento

avatar
400