Cinque (giovani) scrittori messinesi che non puoi non conoscere

Fra storie d'amore, romanzi di formazione e racconti sperimentali, ecco gli autori più promettenti nati in riva allo Stretto

 

Luigi La Rosa 

 

Giornalista, scrittore e curatore per Rizzoli di varie pubblicazioni, tra cui L’anno che verràPensieri erotici e L’alfabeto dell’amoreLuigi La Rosa è un autore dall’anima inquieta. Nato nella città dello Stretto  43 anni fa, ha vissuto a lungo a Roma prima di trasferirsi a Parigi, eletta sua patria affettiva e sentimentale, dove insegna scrittura creativa presso scuole, università e associazioni culturali. Ha pubblicato numerosi racconti in varie antologie letterarie (fra le quali Roma per le strade, Azimut, e Quel che c’è tra di noi – storie d’amore omosessuale, Manni) ed è editore e autore del blog  “Verso il faro”. Nel 2014 ha pubblicato il suo primo romanzo, “Solo a Parigi e non altrove”, una via di mezzo fra il saggio e il romanzo di formazione ma anche un viaggio nella topografia storica e aneddotica di Parigi e nella geografia sentimentale delle sue storie e delle sue leggende. Che la capitale francese rappresenti per lo scrittore un vero posto dell’anima lo conferma il suo secondo libro, “Quel nome è amore. Itinerari d’artista a Parigi”, edito da “Ad Est dell’Equatore” nel novembre del 2016  e presentato di recente alla Libreria Colapesce di Messina con un grande successo di pubblico.

 

Il libro: “Quel nome è amore. Itinerari d’artista a Parigi”

 

Tornare a Parigi per restituire un libro al proprietario, bello e giovane, intravisto in metrò. È questo il pretesto narrativo che dà il la al viaggio del protagonista, uno scrittore. Un programma che viene complicato però da alcuni incontri inaspettati che stravolgono l’intreccio della storia e si lasciano dietro un mondo di meraviglia e di bellezza, coinvolgendo il narratore in storie che non sono le sue e che appartengono a personaggi celebri del passato:  da Raymond Radiguet, amante di Jean Cocteau e novello Rimbaud, a Renée Vivien, poetessa metafisica approdata in Francia per sfuggire al conformismo, fino a Carlos Casagemas, intimo amico di Picasso, e  Simone Thiroux, musa e amante di Amedeo Modigliani. Sei storie di passione, sogni, desideri e velleità artistiche intimamente connesse alla Storia di una città, Parigi, che sembra uscita da un sogno.

 

 

 

«Gli artisti che ho inseguito, e che il protagonista del libro incontra nell’arco delle sei giornate parigine, rimandano inevitabilmente ad altri, come i passi che giornalmente percorriamo incrociando traiettorie e memorie lontane, destini che aspettano solo di raccontarci la loro parabola. È di questo che si nutrono gli scrittori. Da sempre. Ed è ciò che queste pagine cercano di dare al lettore, un ulteriore itinerario nei luoghi, nei quartieri, nelle strade e nelle piazze che gli spettri hanno abitato e della cui aura permane il riverbero»

 

Pagine:Pagina precedente 1 2 3 4 5 Pagina successiva

1
Lascia un commento

avatar
400
1 Comment threads
0 Thread replies
0 Followers
 
Most reacted comment
Hottest comment thread
1 Comment authors
Maria Giovanna Recent comment authors
più recente meno recente più votato
Maria Giovanna
Ospite
Maria Giovanna

Condivido con molto entusiasmo quanto detto dalla scrittrice Nadia Terranova, Messina ha un fascino particolare, tutti i giorni attraversando la città, la guardo ammirandone la bellezza, i colori, e la nostra meravigliosa veduta che si estende immensamente. Se fosse vissuta con cura, amandola di più da tutti i messinesi potremmo respirate solo aria di orgoglio, alterigia e vanto.