MESSINA. A Castel di Tusa è stato un ottobre completamente targato Erasmus+. Come? Grazie all’associazione New Horizons che nell’ambito del programma europeo ha organizzato una serie di attività e di incontri per coinvolgere i cittadini del luogo e quelli provenienti da altri Paesi del continente europeo.

Il primo evento è stato lattività di Job Shadowing dei partecipanti dellassociazione SAVWA Africa (Sud Africa) e si inserisce allinterno del progetto: “YSEEAMYouth Social Entrepreneurship Education for All with Moodle, finanziato dal Programma Erasmus+ KA2 – Rafforzamento delle capacità nel settore della gioventù nei paesi ACP (Africa, Caraibi e Pacifico e in quelli dellAsia e dellAmerica latina). Lintervento, coordinato da New Horizons,  vede il coinvolgimento di partner provenienti da Vietnam, Sudafrica, Danimarca, Grecia, Nepal e Ghana e vuole consolidare il ruolo degli animatori giovanili nella promozione dellimprenditoria, arricchendoli con le conoscenza di base dellimpresa sociale, nonché il know-how digitale e tecnico per lutilizzo della piattaforma Moodle, maggiori info sono disponibili sul sito https://yseeam-project.com/.

Nelle giornate del 4 e 5 ottobre ha auvto luogo il Kick-off meeting di: The Cure – Sport is better than Cure, progetto finanziato dal programma Erasmus+ Sport chemira a promuovere il ciclismo come sport tradizionale per combattere/prevenire il diabete di tipo 2 e migliorare la salute. A tal proposito, verranno organizzate diverse uscite in bici in gruppo coinvolgendo non solo gli appassionati ma anche i neofiti, sia giovani che adulti. Il Progetto, coordinato da New Horizons (Italia), prevede la partecipazione di altri 2 enti partner: GESEME 1996 SL (Spagna), e ASSA Sport Talent Bitola (Macedonia del Nord).

Sempre negli stessi giorni erano presenti i partner del progetto: EMBRACE – Environmental Mobility By Raising Awareness on Changing our Earth KA2 – Rafforzamento delle capacità nel settore della gioventù nei paesi ACP (Africa, Caraibi e Pacifico e in quelli dellAsia e dellAmerica latina). Liniziativa mira ad aumentare la capacità di 7 organizzazioni, sia europee (Grecia, Francia, Serbia e Italia) che extraeuropee (India, Vietnam, Perù), al fine di migliorare leducazione ambientale e la consapevolezza delle problematiche e delle malattie legate al cambiamento climatico. A tal proposito, le organizzazioni giovanili svolgono un ruolo essenziale nell’educazione dei giovani e nella loro preparazione a diventare cittadini responsabili. Nel corso della Study Visit in Italia i rappresentati delle organizzazioni partner hanno potuto assistere alla raccolta dei rifiuti in maniera ecologica grazie allutilizzo degli asini effettuata a Castelbuono, a un laboratorio di cucito, concentrandosi su riciclo e riuso come buona pratica in termini di salvaguardia della natura e dellambiente, nonché visitare gli scavi archeologici di Halaesa. Proprio in tale occasione i partecipanti sono stati accolti dal vicesindaco, Angelo Tudisca, nella Chiesa di Santa Maria delle Palate. Durante lincontro si è parlato di buone pratiche per ridurre il proprio impatto ambientale e a tal proposito di come il Comune di Tusa è riuscito a superare la soglia del 70% di raccolta differenziata dei rifiuti grazie al metodo del porta a portamediante il quale i cittadini conferiscono i rifiuti secondo un calendario prestabilito.

guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments