TORINO.
La scorsa notte una ragazza di 23 anni di Messina è stata aggredita e violentata all’interno della residenza universitaria di via Borsellino, alle spalle del Politecnico di Torino. Sul caso stanno indagando gli investigatori della Squadra Mobile. La studentessa, stando alle prime ricostruzioni, era nella sua stanza, quando poco dopo la mezzanotte ha fatto irruzione un ragazzo di origini africane. L’uomo l’ha colpita alla testa, provocandole un trauma cranico, e poi ha abusato di lei.

Quando gli altri inquilini della residenza si sono accorti della situazione la ragazza è stata soccorsa da un’équipe del 118 e portata all’ospedale Sant’Anna per gli accertamenti legati alla violenza sessuale e poi alle Molinette, per le lesioni subite alla testa.

L’uomo non è stato ancora trovato: si tratterebbe di un venticinquenne sconosciuto alla ragazza che si sarebbe introdotto nel campus.

«Ho sentito bussare alla porta e, credendo che fosse qualche altro studente, ho aperto» ha raccontato la ragazza alle forze dell’ordine secondo quanto riportato da La Stampa.

«Un episodio gravissimo che ci lascia sgomenti -ha commentato il sindaco di Torino sui social- Le forze dell’ordine stanno cercando il responsabile e hanno tutto il nostro sostegno. Esprimo la nostra vicinanza e la solidarietà alla giovane studentessa».

guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments