MESSINA. Un ordigno bellico, fatto esplodere al largo della zona tra Gazzi e Pistunina, viene scambiato per un terremoto, con tanto di titoli roboanti che riportano di un boato. E’ accaduto stamattina, poco prima di mezzogiorno, quando i militari hanno fatto brillare l’ordigno a mare. Negli stessi attimi, è stato fatto esplodere anche uno zaino lasciato incustodito di fronte al Municipio, nella Cortina del porto. Lo zaino, si è scoperto dopo, conteneva solo effetti personali.

L’esplosione, curiosamente, è stata rilevata dall’Ingv come terremoto del secondo grado della scala richter (che infatti risulta aver avuto luogo a profondità zero km.

guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments