MESSINA. Quasi tredici milioni di euro tra fondi Pon Metro e Cipe per riqualificare la stazione di Messina e trasformarla in un vero centro di scambio intermodale capace di collegare e mettere in rete bus extraurbani, treni, navi veloci, tram, bus, stazioni di car/bike sharing, taxi e il parcheggio Cavallotti. Un progetto reso possibile grazie a un accordo siglato il 16 gennaio, a Roma, da Comune e Rfi, in presenza del sindaco Renato Accorinti e dell’assessore alla Mobilità, Viabilità e Trasporti, Gaetano Cacciola.

Obiettivo dell’accordo è quello di creare un Hub intermodale che diventi un vero pilastro del ponte di collegamento di Messina con la Sicilia, con Reggio e l’Italia intera, “ma anche un’area finalmente a misura di pedone, di pendolare, di viaggiatore e di turista”, come si legge sulla pagina Facebook di PuliAmo Messina, che ha postato le foto del progetto.

Nello specifico il progetto prevede:

– la totale pedonalizzazione dell’area (nelle strade attorno alla piazza e a via Calabria) che metterà in collegamento la stazione e le navi di traghettamento veloce;
– la fermata del tram “Repubblica” spostata in via La Farina, così da togliere alla piazza “l’intralcio” del cityway;
– l’ultimazione parcheggio sopraelevato della stazione, utilizzato come nuovo terminal dei bus extraurbani;
– la riqualificazione della dogana e dell’ex mercato ittico
– la riqualificazione della stazione marittima, che diverrà sede di esposizioni

 

Di seguito le immagini del progetto:

guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments