MESSINA. “La proposta politica rappresentata dalla candidatura di Claudio Fava alla Presidenza della Regione  rappresenta un’occasione per costruire una grande alleanza per il cambiamento della Sicilia, a partire dalla Provincia di Messina”. E’ il comunicato che Articolo Uno Mdp, Possibile, Rifondazione Comunista, Sinistra Italiana e Socialisti Siciliani hanno diramato a sostegno della candidatura del giornalista.

“La discontinuità rispetto alle politiche delle ultime esperienze di governo della Regione, un impegno centrato sui temi del Lavoro e dei diritti sociali, dello sviluppo sostenibile, dei beni comuni, della salute, delle politiche di sviluppo legate ai beni culturali e ambientale, dell’accoglienza e dell’integrazione e la scelta di fondo di contrasto alle mafie e alla criminalità sono le basi sui cui costruire un programma condiviso e partecipato. È fondamentale – si legge – che intorno a questo progetto possano ritrovarsi tutte le cittadini e i cittadini e le esperienze collettive che condividono l’obiettivo di un cambiamento profondo e radicale  della politica e del modo di amministrare in Sicilia, dimostrando che la nostra regione non è una terra rassegnata che esiste un’opinione libera che rappresenta la maggioranza dei siciliani e delle siciliane.

“Il progetto che stiamo mettendo in campo deve essere ampio e inclusivo – continua il comunicato – non si tratta di un opera di difesa o di testimonianza ma di una sfida per dare diritto di cittadinanza nella politica siciliana a tante donne e uomini che quotidianamente costruiscono percorsi di riscatto sui territori. Per questi motivi – concludono – facciamo appello alla partecipazione e al pieno coinvolgimento nel percorso politico programmatico alle forze sociali e sindacali, alle tante espressioni della sinistra diffusa, alle associazioni e ai movimenti, laici e cattolico-democratici, alle soggettività del civismo democratico e progressista, alle organizzazioni e ai cittadini impegnati nell’antimafia sociale, nell’ambientalismo, sul tema dei beni comuni e nella difesa dei diritti civili e sociali.

 

guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments