PALERMO. Si continua a discutere di Ponte sullo Stretto, un’opera che secondo la ministra del Sud Mara Carfagna potrà essere realizzata con fondi nazionali. Dopo gli interventi di ieri di Elvira Amata e Matilde Sirausano, a sposare la causa è adesso la deputata di Forza Italia all’Ars Bernardette Grasso, prima firmataria di una mozione che impegna il  Governo regionale “a proporre a quello centrale tutte le iniziative necessarie per la realizzazione del Ponte sullo Stretto di Messina”.  «Mi riferisco – spiega – all’utilizzo del Piano complementare che garantirebbe la realizzazione dei lavori e piena occupazione per migliaia di operatori. Ma non solo, garantirebbe la tanto decantata continuità territoriale, di cui tutti parlano ma nessuno si prende carico. Si tratta di un’opera strategica che raccorderebbe un raccordo commerciale tra il Mediterraneo e l’Europa. L’alternativa è quella del ricorso per il reinserimento dell’infrastruttura nel PNRR, la cui esclusione è scandalosa. Una cosa è certa: non possiamo continuare a perdere tempo con inutili commissioni di studio nazionali. Il progetto esiste, c’è solo da stabilire con quali risorse finanziarlo. Il resto è spreco di denaro pubblico a carico degli italiani, a causa dei contenziosi aperti per la mancata realizzazione dell’opera».
guest
1 Comment
meno recente
più recente più votato
Inline Feedbacks
View all comments
Messinese stanco
Messinese stanco
5 Maggio 2021 12:27

Il progetto originale è a campata unica. Ora invece lo vogliono fare a 3 campate.
I casi sono due: o il progetto NON esiste oppure esiste ma non è fattibile e non vogliono ammetterlo.
BASTA BUGIE! AVETE SECCATO CON STO PONTE!
In questo momento di difficoltà è ancora più offensivo!