NASO. Dopo circa 60 anni si alza nuovamente il sipario sul Teatro Vittorio Alfieri di Naso, chiuso dal 1950.  L’amministrazione comunale guidata dal sindaco Daniele Letizia, infatti, ha deciso di procedere al restauro e alla riapertura della struttura situata nella piazza centrale del comune, affidando la direzione artistica dal 2017 al 2020 a Matteo Bavera, che nel 1996 fu il promotore della riapertura del teatro Garibaldi a Palermo.

Il progetto artistico prevede numerose manifestazioni di respiro nazionale ed europeo, con l’intento di attrarre a teatro gli abitanti del paesino nebroideo, da troppo tempo privi di un punto di riferimento, ma anche un pubblico più vasto ed eterogeneo. Tanti gli artisti di rilievo europeo che hanno già manifestato il loro interesse, fra i quali Georges Lauvadant, Mimmo Cuticchio, Virgilio Sieni e Krustian Lupa. Il primo appuntamento è previsto per venerdì, con “Il Pozzo dei pazzi” di Franco Scaldati, mentre il grande protagonista del weekend sarà il “Gattopardo” di Giuseppe Tomasi di Lampedusa, con la lettura integrale pubblica del romanzo e le musiche dal vivo di Francesco Agnello.

guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments