MESSINA. In contemplazione davanti all’Adorazione dei pastori di Caravaggio, alle pale di Antonello, alla Medusa di Montorsoli, a discutere del Paladini, a scherzare sulle reliquie custodite nella sua città natale, Militello (“Una è Pippo Baudo”). E poi complimenti e lodi: la visita del presidente della Regione Nello Musumeci a Messina, all’inaugurazione del Giardino Mediterraneo del museo di Messina,  finanziato dalla Fondazione Bonino Pulejo, è durata tutta la mattina, dopo essere iniziata con stupefacente puntualità alle 11 spaccate.

“Sono contento di aver visitato una struttura che mi ha lasciato addosso un piacevole stupore, perché non pensavo che fosse così completa e competitiva. Quello di Messina è un museo che non ha nulla da invidiare a nessuna altra realtà”, ha spiegato Musumeci al termine del giro al MuMe, accompagnato dalla direttrice Caterina Di Giacomo, con la quale ha commentato e discusso i più pregevoli “pezzi” esposti all’jnterno del museo.

“È una realtà che deve far parte di percorsi più ampi, perché merita visibilità. Che non può venire solo dal turismo crocieristico, che per sua natura non è molto renumerativo, ma può fare da moltiplicatore, perché ogni turista che riesce a vedere queste opere poi non può che magnificarlo”, ha spiegato Musumeci.

Dell’intervento di riqualificazione a verde delle aree esterne ha parlato poi il presidente della Fondazione, Lino Morgante, quale esempio di efficace collaborazione tra pubblico e privato. “Spesso il pubblico (il museo di Messina è regionale, ndr) non possiede i fondi, a volte neanche le competenze. È in questi casi che il settore privato deve intervenire”.

Ovviamente, la presenza di Musumeci ha “tirato” le domande politiche. Che il Governatore ha stoppato sul nascere: “Sono qui in veste di presidente della Regione, rappresento tutti i siciliani, scusatemi, ma non posso parlare di amministrative”, ha risposto ad una precisa domanda sulla situazione del centrodestra messinese, proprio mentre tutt’intorno iniziavano ad arrivare parlamentari nazionali e regionali, e direttamente dal Forum Giovani anche il suo assessore alla Sanità Ruggero Razza ed il candidato a sindaco Dino Bramanti.

 

guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments