MESSINA. Mario Bolognari, direttore del Dipartimento di Civiltà antiche e moderne dal dicembre dell’Ateneo di Messina, ex deputato alla Camera ed ex sindaco di Taormina, è il coordinatore della Direzione provinciale del Partito democratico. Ad eleggerlo, per acclamazione, la prima riunione dell’organismo convocata subito dopo il congresso, questa mattina. Sul fronte delle prossime regionali, il deputato uscente Filippo Panarello ha comunicato all’organismo la propria intenzione di non ricandidarsi. E, proprio riguardo alla lista, in corsa, allo stato attuale, sono l’altro uscente, Pippo Laccoto, ed Emanuele Giglia, indicato come successore da Panarello. Proprio sul fronte delle elezioni, si sta lavorando per il completamento delle candidature, che dovrà contemperare le proposte giunte e le cosiddette “quote rosa” (almeno tre donne, circolano i nomi di Liliana Modica e di Antonella Russo). A proporsi per uno scranno a Palazzo d’Orleans, fino ad ora, Franco De Domenico, Tani Isaija, Matteo Sciotto Massimo Simeone.

Questa mattina si è iniziato a comporre l’esecutivo con Ornella Trovato, Claudio Cardile, Giglia, Liliana Modica, Biagio Bonfiglio e Teodoro La Monica (che ne sarà il coordinatore). La Direzione è stata aggiornata al prossimo 19 ottobre: all’ordine del giorno, le liste e le restanti poltrone in Esecutivo da assegnare, una delle quali andrà ai Giovani democratici.

 

guest

1 Comment
meno recente
più recente più votato
Inline Feedbacks
View all comments
emmeaics
emmeaics
25 Settembre 2017 10:00

il nuovo che arranca! ma dove vuole andare il PD a Messina con questi nomi vecchi, stantii, in qualche caso già in decomposizione! ma date spazio ai giovani, godetevi la pensione.