MESSINA. Ventiquattro anni dopo l’apertura sul Viale Boccetta, cala il sipario sullo storico Paladine Pub, uno dei più famosi ritrovi della città, capace di sopravvivere indenne alle tendenze della movida (da cui è stato sempre avulso) e alla moria dei locali del centro storico. Aperto nel lontano 1996, il pub di Pippo, il proprietario, ha per decenni ospitato infinite partite a calcio balilla e sfide “ubriache” a freccette (spesso contemporaneamente), mangiando e bevendo a prezzi umani, coccolati dall’atmosfera casalinga che si respirava all’interno. A determinare la chiusura del locale, come riporta “Normanno”, sono stati i postumi del lockdown e le spese di affitto del locale.

Il Paladine non è l’unica attività a spegnere le insegne: nel giro di pochi mesi sono stati tanti i locali a chiudere i battenti (per varie ragioni), dalla Stanza dello Scirocco al Vulkania (sostituito dal nuovo “Panicunzatu”), dal Molo69 al Beer Shop.

 

guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments