MESSINA. I tesserini venatori per la stagione 2017/2018 saranno in distribuzione da lunedì 21, dalle ore 9 alle 12.30, nelle sedi della I, II, V e VI circoscrizione e all’URP di Palazzo Zanca: due settimane prima che le “doppiette” inizino a cantare. Ma c’è chi chiede che in Sicilia la caccia venga fermata.

Ambientalisti, ma anche semplici cittadini, sono sul piede di guerra, in Sicilia: l’assessorato all’Agricoltura, guidato da Antonello Cracolici, ha presentato il calendario ufficiale, in cui l’apertura generale della caccia è stata fissata per il 17 settembre, la terza domenica del mese, mentre la chiusura è prevista per il 31 gennaio 2018, ma ci saranno comunque tre giornate di pre-apertura (2, 6 e 10 settembre). I cacciatori avevano chiesto cinque giornate di preapertura e chiusura della stagione posticipata al 10 febbraio.

La cosa ha fatto andare su tutte le furie gli ambientalisti: sulla piattaforma Change.org, è subito apparsa una petizione per fermare la caccia in Sicilia. “In considerazione del caldo torrido e della conseguente siccità, unita ai numerosissimi incendi  che hanno messo in ginocchio l’Italia intera, con l’aggravante della perdita di  migliaia di ettari di bosco e di macchia mediterranea, bisognerebbe invece cercare di dare ristoro e soccorso alla fauna ridotta allo stremo da questi eventi devastanti. Questo grave stato di cose ha spinto il Wwf a chiedere a gran voce  la sospensione di qualsiasi attività predatoria e venatoria”.

Lo scrive la proponente, Elvira Dragonia Vernengo, nella petizione diretta a Ministero per l’ambiente e la tutela del mare, ed al Ministro per l’ambiente Gianluca Galletti, che in cinque giorni è arrivata alla soglia delle mille firme. “Questo grave stato di cose ha spinto il Wwf a chiedere a gran voce  la sospensione di qualsiasi attività predatoria e venatoria. Come rappresentante del Laboratorio Regionale  Ambiente e tutela degli animali capitanato da Beatrice Feo Filangeri, lanciamo questa petizione in perfetto accordo con le associazioni ambientaliste ed animaliste a sostegno della Natura  e degli animali in ginocchio”, si conclude l’appello.

guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments