PALERMO. Messina avrà la sua Giornata della memoria per il terremoto del 1908. Oggi pomeriggio, i deputati dell’Assemblea Regionale Siciliana hanno approvato il disegno di legge presentato dal parlamentare del Movimento Cinque Stelle Antonio De Luca.

«Sono particolarmente contento ed orgoglioso – spiega il pentastellato – per questo traguardo raggiunto e ringrazio i colleghi dell’Ars per aver contribuito con il loro appoggio ad istituire la Giornata della memoria per il terremoto di Messina. Non nascondo che avrei voluto condividere questa grande gioia con Franz Riccobono, ma il covid non ce lo ha consentito. Altre personalità cittadine hanno collaborato, ma quello di Riccobono è stato certamente il contributo più entusiasta fornito a questa mia iniziativa. Io mi chiedevo perché nessuno prima di me lo avesse fatto, lui rispondeva che a nessuno interessava perché conveniva seppellire la memoria della nostra bella e sfortunata città e con essa la sua gloriosa identità, il giorno dopo eravamo già al lavoro. Come ho avuto modo dire nel mio intervento finale, per onorare il ricordo e le battaglie sostenute dal nostro illustre concittadino scomparso recentemente, mi impegnerò affinché si realizzi presto una mostra permanente dedicata al terremoto nel nostro Museo, magari in una sezione le cui mura siano a lui dedicate,  e che si moltiplichino le iniziative che ruotano intorno alla commemorazione del 28 dicembre. Lavorare per il recupero della nostra identità sarà il miglior modo per rendere il giusto riconoscimento a uno studioso che ben conosceva e rappresentava la messinesità. Il suo amore per la conoscenza si fondeva con quello smisurato per Messina e tutti noi dobbiamo avere cura di coltivare questi insegnamenti, ma non avrebbe senso ricordare ciò che è stato distrutto senza impegnarsi per costruire qualcosa di buono».

Con l’approvazione della norma, ogni 28 dicembre la Regione Siciliana avrà il compito di promuovere, anche mediante la concessione del proprio patrocinio, l’organizzazione di cerimonie ed altre iniziative, nonché di momenti di riflessione ed approfondimento sia nelle scuole di ogni ordine e grado sia nelle sedi istituzionali. Anche il Museo regionale di Messina sarà chiamato a svolgere un ruolo di primo piano e si farà promotore di iniziative finalizzate ad una maggiore valorizzazione del ricordo del terremoto del 1908, in raccordo con l’Assessorato regionale dei beni culturali e dell’identità siciliana. In occasione della Giornata della Memoria sarà inoltre promossa anche la rievocazione della storia di grande solidarietà culturale internazionale che ha contraddistinto il soccorso ai superstiti nei giorni immediatamente successivi all’evento.

«Sebbene siano passati ben 114 anni dal terremoto che rase al suolo Messina , noi messinesi sentiamo ancora sulla nostra pelle quella immane tragedia che causò decine di migliaia di morti e distrusse gran parte del nostro patrimonio culturale e artistico. La memoria è il primo fondamentale passo per recuperare l’identità cittadina, da cui è oggi è più che mai necessario ripartire per il rilancio economico e culturale della città. Sin dal mio insediamento – conclude Antonio De Luca – ho lavorato affinché Messina avesse la sua Giornata della Memoria ed oggi posso ritenermi più che soddisfatto. La memoria è come un fiore, bisogna averne cura per ricordare da dove veniamo e chi vogliamo diventare. Il ricordo di quella immane sciagura deve fungere da stimolo per la rinascita di Messina, a cui tutti noi messinesi , senza divisioni, dobbiamo ambire».

guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments