MESSINA – Omicidio stradale, questo il reato contestato all’autista di un camion che ieri ha viaggiato cin un gancio di una gru sporgente che ha ucciso una donna a Venetico. L’uomo non è stato arrestato, nonostante abbia proseguito senza fermarsi dopo l’incidente e sia stato rintracciato solo dopo ore dai Carabinieri. Non si era probabilmente accorto di niente. Mentre il gancio della gru si schiantava contro una macchina parcheggiata e colpiva violentemente al volto, uccidendola, una donna, l’uomo non si era accorto di nulla. Il colpo al volto le è stato fatale: per Carmela Bucca non c’è stato più niente da fare, è morta tra le braccia del figlio che era con lei in quel momento. La donna di 53 anni, alle 7,30 di ieri mattina stava attraversando la strada per raggiungere assieme al figlio il negozio di specialità emiliane di cui era titolare, a Venetico. Una strada in cui viveva, dunque, e che attraversava e percorreva ogni giorno. Ieri mattina, però, da quella stessa strada passava il mezzo pesante che trasportava una gru il cui braccio metallico sporgeva oltre il limite consentito. Mentre il camion passava dalla strada statale 113, poco oltre il cartello che delimita il confine tra Spadafora e Venetico, due località tirreniche tra Messina e Milazzo, il pesante gancio di metallo colpiva prima un’auto parcheggiata e subito dopo prendeva violentemente in pieno la 53enne. Un impatto alla testa che le è costato la vita. Mentre la donna moriva sul ciglio della strada, immersa in una pozza di sangue, il guidatore non si è neanche accorto del danno provocato ed ha proseguito fino a quando non è stato rintracciato dai carabinieri molte ore dopo. I militari sono arrivati subito sul posto e sono riusciti a risalire alla targa dell’autotrasportatore grazie alle testimonianze e grazie ai sistemi di video sorveglianza dei negozi vicini a quello della donna. Il figlio ha chiamato subito i soccorsi ma i medici del 118 arrivati sul luogo dell’incidente hanno solo potuto dichiarare la morte della 53enne. Bucca lascia due figli, un maschio e una femmina. L’autista non è stato ancora arrestato, per lui si prevede un’incriminazione per omicidio stradale, oltre l’illecito amministrativo dell’aver superato la sporgenza oltre i limiti di legge. 

guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments