MESSINA. «Ormai è impossibile per i residenti del Boccetta riuscire a parcheggiare le proprie vetture. Le cause sono ben note. Gli eventi del Palacultura, le decine di stalli riservati alle vetture private di Forze dell’ordine e Capitaneria di porto, zone di carico scarico utilizzate dai richiedenti come parcheggi personali. A questo si aggiungono le continue rimozioni di vetture parcheggiate in corrispondenza delle fermate Atm, peraltro prive di segnaletica orizzontale e realizzate fuori norma e i tanti uffici e scuole presenti nel Boccetta». Così in una nota il vice presidente della IV municipalità Renato Coletta.

«Ultimamente anche l’installazione di dissuasori a bordo del marciapiede di via San Giovanni di Malta, che riduce ulteriormente la già precaria disponibilità di parcheggi per i residenti e per i plessi scolastici ed universitari presenti in zona – prosegue – Purtroppo la zona è ormai divenuta anche un parcheggio di scambio ed occorre una rivisitazione complessiva dei parcheggi presenti, rimuovendo intanto tutti gli abusi presenti. Individuando tutte soluzioni atte a incrementare i parcheggi e coniugando soprattutto le esigenze dei residenti con quelle di enti e forze dell’ordine».

“Per questo motivo lo scrivente ha richiesto al dipartimento Servizi territoriali ed urbanistici lo spostamento degli archetti para pedonali all’interno del marciapiede di via San Giovanni che sarà realizzato a breve, al fine di realizzare una prima serie di parcheggi e nel contempo un passaggio pedonale protetto – spiega – Inoltre lo scrivente sta verificando con il dipartimento, stante la presenza nel quadrilatero Gagini-Monsignor D’Arrigo-Boccetta-San Giovanni di Malta di marciapiedi particolarmente ampi, la possibilità di realizzare ulteriori parcheggi a schiera o utilizzando un porzione del marciapiede, mantenendo una superficie pedonabile adeguata sui marciapiedi interessati».

guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments