MESSINA. «Il pianoforte della Galleria deve andare via da qui». Ad annunciarlo nel corso di una delle tante dirette odierne su Facebook, è il sindaco Cateno De Luca, che ha fatto tappa in Galleria insieme all’assessore Dafne Musolino.

«Mi piange il cuore vedere questo pianoforte ridotto in queste condizioni. È una storia diventata vergognosa. Da oggi da qui deve sparire, non funziona nulla. Non voglio entrare nel merito sul perché si trova qui, perché non voglio innestare altre polemiche, ma è ovvio che questo è il posto sbagliato. Ho già incaricato i rivenditori della casa musicale San Filippo di venirlo a ritirarlo immediatamente. Vediamo in che condizioni è e in base al preventivo lo sistemiamo e lo mettiamo nella Chiesa di Santa Maria Alemanna. Qui obiettivamente non ha senso, considerando anche che nessuno lo ha voluto adottare», ha spiegato De Luca, annunciando inoltre un restyling della Galleria entro Natale. 

«Entro le 19:30 verrà rimosso», ha assicurato Dafne Musolino.

Il pianoforte pubblico ha smesso di suonare ormai da mesi. Riposto in un angolo e in condizioni precarie, dopo essere stato vandalizzato a più riprese, lo strumento donato alla cittadinanza nella primavera del 2018 dall’assessorato alla Cultura guidato da Federico Alagna non funziona più. Ad interessarsi delle sorti dello strumento, di recente, è stata la redazione di TodoModo Tv, che in seguito a diversi sopralluoghi in Galleria ha coinvolto l’esperto Giuseppe Grimaldi con l’obiettivo di riparare il pianoforte e restituirlo alla cittadinanza.

Quella del piano, finito più volte nel mirino degli incivili, è una storia piuttosto travagliata.

Ad aprile del 2019 l’allora assessore alla Cultura della Giunta De Luca, Enzo Trimarchicon una delibera di giunta accolse un esposto presentato da una signora che abita in uno degli appartamenti che danno sull’interno della galleria: lo strumento musicale avrebbe disturbato la quiete dei residenti, soprattutto nelle ore notturne (nonostante la galleria di notte fosse chiusa). Ragion per cui ne fu disposto lo spostamento al mercato al coperto del Muricello (che adesso di pianoforte ne ospita un altro, donato dall’ex sindaco Renato Accorinti). Una decisione poi revocata dal primo cittadino, che, anche a fronte delle roventi polemiche che ne seguirono, dispose una rettifica all’ordinanza, autorizzando l’uso dello strumento solo fino alle 23.30.

Non è l’unica disavventura del pianoforte, che in appena un paio di anni ha subito vari atti vandalici, al punto da spingere le ex proprietarie dello strumento musicale, l’ex assessore Federico Alagna e il pianista Giovanni Renzo a chiedere all’Amministrazione in carica di rimuoverlo dalla Galleria,“a fronte dello stato di abbandono e dei mancati interventi di tutela”.

 

guest
1 Comment
meno recente
più recente più votato
Inline Feedbacks
View all comments
Filippo
Filippo
1 Giugno 2021 18:40

un’altra piccola sconfitta che si aggiunge alle mille altre di una città che si avvia a consolidare il suo primato come la città più lorda col maggior numero di abitanti lordi (e sfaciastrumenti)