MESSINA. Non c’è pace per la villetta Quasimodo, il piccolo parco di fronte al Royal, in via Tommaso Cannizzaro bassa, teatro negli ultimi mesi di una feroce guerra d’opinione dovuta alla presenza di minori extracomunitari non accompagnati, e di chi non ce li vorrebbe.

Ieri, una consueta attività di controllo del territorio messa in atto dai poliziotti delle Volanti della Questura di Messina ha portato all’arresto di Konate Issa, ventiseienne del Mali responsabile del reato di resistenza a Pubblico Ufficiale. Ad attirare l’attenzione degli operatori che, appiedati, si avvicinavano al giovane, il suo atteggiamento sospetto all’interno della Villetta Quasimodo. Alla vista dei poliziotti il cittadino extracomunitario manifestava grande irrequietezza, si rifiutava di fornire le proprie generalità, risultava sprovvisto di documenti di riconoscimento e, al fine di sfuggire a qualsivoglia forma di controllo, si svincolava colpendo un operatore al torace e dandosi alla fuga.

Raggiunto nuovamente il giovane continuava ad opporre resistenza dimenandosi e sferrando calci e pugni questa volta bloccati dall’efficace intervento dei poliziotti che, nonostante l’esagitazione ed il nervosismo, tradottisi anche in manifestazioni violente, riuscivano a condurlo presso i loro uffici. Lì una volta identificato emergevano a suo carico numerosi precedenti penali che unitamente all’atteggiamento aggressivo, portavano all’arresto del ragazzo. Veniva data pronta comunicazione dell’accaduto all’A.G competente che disponeva il trattenimento dell’arrestato presso le camere di sicurezza in attesa di giudizio per direttissima.

guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments