MESSINA. Si è svolto nelle giornate di venerdì 27 e sabato 28 maggio, presso il Tus’hotel, lincontro di medio termine del progetto “Sport@Street”. L’iniziativa, finanziata dal programma “Erasmus+ Sport”, promuove lo “Street Workout” come stile di vita sano e coinvolge le persone di tutte le età e provenienze attraverso una migliore pianificazione dell’allenamento. Lo street workout è un allenamento calistenico che, a sua volta, indica una serie di esercizi in cui non vi sono attrezzi specifici e dove il peso per far lavorare il proprio corpo è fornito dal corpo stesso. Si tratta pertanto di esercizi a corpo libero”.

Il Progetto, coordinato da European Cultural Epicenter Bitola (Macedonia del Nord), prevede la partecipazione di altri 4 enti partner: The Calisthenic Club (Paesi Bassi), Street Warriors (Lettonia), Champions Factory (Bulgaria) e l’Associazione New Horizons di Tusa. Dopo i meeting già svolti ad Amsterdam (Paesi Bassi) e Riga (Lettonia), l’incontro a Tusa ha rappresentato l’occasione per fare un primo bilancio sulle attività svolte finora e, in particolare, sui numerosi eventi di street workout realizzati nei mesi precedenti in tutti i Paesi partner del progetto, che hanno avuto una nutrita partecipazione di giovani e adulti.

Nella mattinata di venerdì i partner sono stati impegnati in una seduta di allenamento; mentre nel pomeriggio c’è stato l’incontro con lAmministrazione Comunale con cui New Horizons collabora sin dalla sua fondazione. I rappresentati delle organizzazioni partner sono stati accolti dal vicesindaco, Angelo Tudisca, presso la sala consiliare del Comune. Dopo un breve excursus sulla storia della cittadina Alesina, si è parlato dei progetti per la costruzione di una struttura di street workout a Tusa, beneficiando della presenza di organizzazioni esperte del settore che hanno fornito preziosi consigli su come realizzare aree fitness inclusive e multifunzionali. Il vicesindaco ha, infine, sottolineato come lo sport rivesta un ruolo fondamentale nella vita quotidiana e tutti i partner, nel corso dei loro interventi, hanno ribadito il ruolo dello sport quale veicolo di partecipazione e aggregazione sociale, oltre che strumento di benessere psicofisico e di prevenzione.

Da segnare sul calendario, nel mese di ottobre 2022, l’ultimo meeting a Bitola (Macedonia del Nord), dove è prevista una sessione di training formativo per lo staff di progetto, ma soprattutto per i membri della comunità locale che vorranno aderirvi, considerando che c’è posto per sei partecipanti.

guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments